Jump to content
Anime in Evidenza
Manga in Evidenza

[PC] Diablo 2


Simone105
 Share

Recommended Posts

Diablo 2

 

417px-Diablo2coverscan.jpg

 

 

 

Un essere estremamente potente, diversi anni fa riuscì a distruggere Diablo, il signore dell'odio e simbolo del male. Costui, tuttavia, in seguito all'impresa apparve come "diverso" ai vari abitanti di Tristram; solo tempo dopo, quando egli lasciò il villaggio, fu chiaro cosa era successo: Diablo si era impossessato del suo corpo diventando più potente che mai. Diablo, controllando il guerriero, cominciò a vagare verso Est, al fine di liberare i suoi fratelli (Mephisto e Baal), lasciando dietro di se una scia di morte e distruzione. Anche il monastero della fratellanza dell'Occhio Invisibile non venne risparmiato e ora la situazione è davvero critica

 

A questo punto della storia interviene il giocatore che, selezionando una delle cinque classi disponibili, si ritrova nell'accampamento provvisorio della fratellanza dell'Occhio Invisibile

Questo, ordine composto da fanciulle intriganti quanto abili con l'arco, si rivolge al giocatore, vedendo in lui la speranza di sconfiggere definitivamente Diablo, prima che possa liberare i suoi fratelli. Tuttavia non sarà solo il signore dell'odio il nemico, dal momento che costui, grazie ai suoi poteri, è riuscito a corrompere molte sorelle dell'Ordine, che ora stanno al suo servizio. Compito del giocatore, quindi, rimboccarsi le maniche e cominciare ad estirpare il male dalla radice

Come si è potuto intuire, il mondo del primo Diablo come lo conoscono i milioni di appassionati ora non esiste più; Tristram è stata completamente distrutta e i suoi abitanti uccisi: nella breve visita al paese, si avrà il dispiacere di incontrare il cadavere di Wirt lo gnomo (di cui si potrà anche prendere una gamba come arma) e di combattere contro un Griswold ormai diventato un servo di Diablo (per i prezzi alti della sua merce più di una volta ho desiderato ucciderlo, ma quando me lo sono ritrovato davanti quasi non ho avuto il coraggio...). Solo Cain, vecchio e saggio del villaggio, è scampato alla morte; agonizzante in una prigione sospesa sopra orde di demoni, sarà compagno fedele delle nuove avventure, in quanto in grado di identificare (gratuitamente, per dimostrare la propria gratitudine a chi lo ha salvato) gli oggetti magici

Al posto dei vecchi personaggi del villaggio, ve ne sono ora altri. Gheed è un venditore d'armi e sarà di grande aiuto nel corso dell'avventura: è piuttosto antipatico e supponente ma per fortuna può essere talvolta messo da parte per contrattare con Charsi. Costei è una giovane donzella dall'aspetto molto attraente, con un fare molto gentile: è in grado di riparare armature e spade, nonchè di forgiarne di nuove. Grazie al Malus Horadrim, inoltre, è in grado di infondere in questi oggetti dei poteri magici immensi. Akara è invece la guida spirituale dell'ordine dell'Occhio Invisibile; può essere considerata la controparte di Adria di Diablo, essendo in grado di fornire pozioni magiche, pergamene e tomi (contrapposti ai libri del primo episodio)

 

diablo2lod_003-large.jpg

 

Vi sono poi Warriv (soldato che vigila all'interno dell'accampamento) e Kashya, guida dell'Ordine sul campo di battaglia: quest'ultimo è in particolare un personaggio molto importante, visto che mette a disposizione del giocatore le sue migliori guerriere (tutti questi personaggi fanno parte del primo atto). Proprio questo spunto si collega ad una delle molte novità presenti in Diablo II, ovvero la possibilità di agire in gruppo. I personaggi hanno l'opportunità di creare un vero e proprio gruppo con il quale esplorare le lande infestate da demoni: vi sono vari modi per aggiungere membri al proprio personaggio: uno già citato è quello di assoldare un arciere da Kashya, ma si può ricorrere anche alla magia (il negromante, per fare un esempio, può rievocare mostri da corpi senza vita e farli combattere al suo fianco). Le classi di gioco sono, come accennato, ben 5, contro le 3 presenti nel titolo originale. Mago, ladra e guerriero vengono indi rilevati da barbaro, paladino, amazzone, negromante e incantatrice

Cerchiamo di analizzarle a fondo: il barbaro come ovvio è un personaggio che basa tutto sulla forza bruta e sulla potenza fisica. Conosce le arti magiche in maniera del tutto rudimentale (elementali a parte) e fa degli scontri corpo a corpo il suo asso nella manica. È la classe con cui il giocatore alle prime armi si trova meglio, potendo affrontare fin da subito nemici di una certa potenza. Uno dei personaggi più bilanciati è poi il paladino: possiede una buona forza fisica che unita a rispettabilissime conoscenze in campo magico e a una destrezza notevole, garantisce lui ottimi risultati sul campo di battaglia. Il suo punto forte è il campo religioso, grazie al quale conosce molti incantesimi atti a fermare i non-morti. L'amazzone grazie alla sua elevata agilità, trova nell'arco l'arma più adatta durante uno scontro. In assenza di esso, tuttavia, le amazzoni sono in grado di utilizzare discretamente anche armi bianche

 

diablo_2_003.jpg

Questi sono solo i primi,installando l'espansione se ne aggiungono 2

 

Il negromante, invece, è una classe non dedita agli scontri diretti: scegliendo questo personaggio si ha accesso ad un potenziale magico davvero elevatissimo, che trova il suo culmine nell'evocazione di non-morti e golem. Grandi doti magiche sono proprie anche dell'incantatrice: è un po' il corrispettivo del mago di Diablo e parte fin da subito con l'incantesimo firebolt. È un personaggio destinato a giocatori esperti, essendo dotato di una resistenza fisica ridottissima. Tutti questi personaggi hanno quindi abilità differenti, che durante il proseguire dell'avventura possono essere sviluppate in diverse maniere; a differenza di Diablo, in questo seguito al raggiungere un certo livello di esperienza, verranno dati al giocatore 5 punti da distribuire nelle quattro caratteristiche di base (forza, destrezza, vitalità ed energia), ma anche un punto-abilità da usare per sviluppare una certa capacità del personaggio: queste abilità sono differenti per ogni personaggio ma sono genericamente raggruppabili in tre gruppi, ovvero attacco, difesa e scontro nella mischia

 

diablo2lod_006-large.jpg

Inventario

 

Questa introduzione aggiunge spessore al gioco, visto che ogni personaggio può essere portato avanti in maniera del tutto differente e le combinazioni effettuabili sono tantissime. In tema di novità, anche l'interfaccia di gioco è stata ritoccata: durante la prima partita a Diablo II ci si potrebbe sentire un po' spaesati, visto che l'interfaccia di compravendita è stata modificata; mentre prima il tutto era in forma testuale, ora è in forma visuale. Il metodo di comprare e vendere gli articoli ora modificato, potrebbe lasciare perplesso il giocatore abituale di Diablo. Lo smarrimento potrebbe anche derivare dai primi livelli molto ampi che si contrappongono agli angusti cunicoli di Diablo (questo ingrandimento dei livelli è stato però compensato con l'introduzione della corsa, grazie alla quale si possono percorrere lunghi tratti in poco tempo)

Per quanto riguarda il vestiario dei personaggi, sono stati aggiunti nuovi indumenti: vi è la cintura che è molto utile in quanto permette di portare 8/12/16 pozioni (purtroppo senza di essa, potranno essere portate solo 4 pozioni). I guanti aumentano la capacità difensiva del giocatore, come del resto gli stivali. Mantenuti poi dal primo episodio i vari anelli e amuleti, in grado di donare al personaggio poteri e resistenze magiche formidabili. Grande novità riguardante gli indumenti è la possibilità di incastonarvi delle pietre preziose: infatti scudi, spade e armature (rigorosamente provviste di incavi e per questo segnalate col colore grigio) non ancora dotate di qualità magiche potranno essere combinate con topazi, smeraldi, diamanti, ametiste, teschi e quant'altro. Questi preziosi sono in grado di aggiungere punti al danno massimo, di proteggere il giocatore dal veleno (ma anche dal freddo, dal fuoco e dal fulmine) e anche di migliorare alcune abilità del giocatore stesso

 

diablo2lod_005-large.jpg

 

Riguardo la grafica, vi erano e vi sono tuttora critiche e perplessità: questo perchè Diablo II fa uso nelle fasi di gioco di una risoluzione a 640*480, mentre nei menu utilizza una più moderna 800*600 (presente nello stress test anche per il gioco vero e proprio ma in seguito eliminata). Tuttavia la resa grafica è, come si può anche vedere dalle immagini a corredo, più che buona e gli effetti dei vari incantesimi sono molto suggestivi. A questo proposito è bene chiarire che Diablo II pur potendo teoricamente girare sia sotto Direct 3D che sotto Glide, da il meglio di se con quest'ultima modalità: infatti con D3D può capitare che vi siano frequenti rallentamenti anche con schede dell'ultima generazione (leggi GeForce). Questo è uno dei difetti che affliggono Diablo II anche se certamente non il più grave

 

diablo2lod_001-large.jpg

 

Prima ancora che il gioco fosse nei negozi, Blizzard ha rilasciato la patch che aggiorna Diablo II alla versione 1.01. Con essa si risolvono diversi problemi di stabilità ma è più che lecito chiedersi come mai la casa non abbia terminato il gioco prima di immetterlo sul mercato: probabilmente alla Blizzard hanno pensato di risparmiare tempo cominciando a masterizzare il gioco, correggendo i difetti "dell'ultimo minuto" distribuendo una patch via Internet, ma non è finita; la casa è infatti già al lavoro sulla patch 1.02 che tra gli altri, corregge anche un grave bug: se una persona crea un personaggio su Battle.net con lo stesso nome di uno dei personaggi usati per il gioco offline, quest'ultimo viene cancellato. In aggiunta vi sono delle caratteristiche del gioco in singleplayer che, più che errori, potrebbero essere definite discutibili scelte da parte dei programmatori. Una di esse è il fatto che non si può salvare quando si vuole; infatti il gioco salva in automatico e questo impedisce al giocatore di fare esperimenti del tipo "chissà come sarà quell'oggetto: provo a comprarlo e se poi non mi piace ricarico e continuo"

Ma la cosa peggiore è forse che quando si esce dal gioco e in seguito si ricarica la partita precedentemente salvata, i mostri già uccisi la volta precedente tornano in vita. Questo fatto sta facendo discutere molto i giocatori di tutto il mondo: è effettivamente frustrante dover uccidere centinaia di mostri già affrontati e la cosa peggiore è che tornano in vita anche i mostri che si affrontano per portare a termine le quest. Essi sono ovviamente molto forti e portano via moltissimo tempo. Per fortuna non sempre bisogna uccidere tutte le creature del male con cui ci si è misurati in precedenza grazie alle "Destinazioni". Queste sono cerchi magici di pietra che permettono al giocatore di teletrasportarsi in giro per i quattro mondi (che compongono i quattro atti del gioco): così facendo si saltano a più pari i territori già esplorati, risparmiando grandi quantità di tempo

 

Diablo-II-1.jpg

 

Per il resto non si può che rimanere soddisfatti del vastissimo assortimento di armi, armature, incantesimi e pozioni magiche presenti in Diablo II. Veramente troppi per poter essere citati nella recensione, sono comunque elencati e spiegati in maniera esauriente nel manuale cartaceo che, composto da ben 104 pagine, porta anche descrizioni dettagliate dei vari mostri (21 tipologie base, che si suddividono in altre sottorazze), oltre a testimonianze dei vari personaggi mitici del gioco che contribuiscono a creare un'atmosfera quasi magica.

 

LA STORIA CONTINUA

Con la sconfitta definitiva (almeno per ora) di Diablo e Mephisto, al termine di Diablo II tutto sembrava tornato alla normalità, ma un nuovo nemico, se possibile ancora più minaccioso dei suoi fratelli, è pronto a seminare terrore sulla Terra: Baal, Signore della Distruzione, con il suo esercito demoniaco si dirige verso la montagna sacra, il monte Arreat, ove è custodita la Pietra del Mondo

Questa in pratica narrata in modo molto stringato la trama che sta dietro a questo Lord Of Destruction, da questi elementi nasce naturalmente un nuovo atto, per l'esattezza il quinto popolato da nuove creature e da due nuovi eroi

 

diablo2expansion.jpg

 

Le innovazioni introdotte in questo Expansion Set sono numerose e tutte molto importanti, in parte sperimentate già dai giocatori di Diablo II grazie all'ultima patch rilasciata circa 15 giorni prima della pubblicazione di Lord of Destruction

Precedentemente al rilascio della patch era facile, anche per un giocatore di medio livello portare a termine i quattro atti di Diablo II a tutti e tre i livelli di difficoltà, con un personaggio attorno al livello 50-60, dopodiché la possibilità di fare esperienza, di trovare qualche difficoltà e di conseguenza di salire di livello consisteva nel partecipare a partite multigiocatore particolarmente numerose. Con il rilascio della nuova patch, sconvolgente per una buona parte dei giocatori più accaniti, sono state introdotte nuove regole e nuovi bilanciamenti per abituare i giocatori a quello che avrebbero trovato nell'espansione Il livello di difficoltà saliva enormemente, moltissimi mostri erano immuni a determinati tipi di attacco e alcuni, praticamente impossibili da abbattere presentavano caratteristiche come immunità al danno fisico, incantesimo del fulmine e teletrasporto, tutti coloro che abbiano giocato a Diablo II possono immaginare lo sgomento nel trovarsi di fronte a elementi del genere. Dopo vibrate proteste e scambi di opinioni coloriti sui forum dedicati al gioco si è raggiunto finalmente un compromesso tra livello di difficoltà e giocabilità

baal_throne.jpg

Baal

 

Baal e il suo esercito di demoni sono alla ricerca della montagna sacra e assediano il villaggio di Harrogath, ed è da qui che partirà la nostra nuova avventura

Ai quattro atti normali si aggiunge quindi l'intero quinto atto, di grandezza simile al primo o al secondo, popolato di nuove creature e trappole mortali; per potervi accedere dovrete necessariamente aver sconfitto Diablo al medesimo livello di difficoltà, per la modalità inferno sarà quindi necessario prima sconfiggere Diablo a livello inferno, successivamente tornare in città e tramite il portale che si aprirà, raggiungere la città sotto assedio

Il nuovo atto presenta notevoli miglioramenti grafici e di gameplay, finalmente sarà possibile abbattere muri, porte e torri difensive, anche se in misura molto limitata, gli ambienti saranno ricchi di particolari e dungeon secondari, potrete unirvi ai combattenti presenti sul campo per difendere la terra dall'invasione dei demoni, i quali saranno dotati di nuove caratteristiche ed armi quali ed esempio catapulte

Le missioni disponibili al quinto atto sono sei, e permetteranno di aggiungere nuove caratteristiche alle armi in vostro possesso, per renderle ancora più potenti e personalizzate

Oltre all'introduzione del quinto atto i fan attendevano le due nuove classi di personaggi: l'assassina ed il druido entrambi dotati di 30 nuove abilità.

By Gamesurf

 

Requisiti Minimi Diablo 2:

- Windows 95/98/Me/NT/2000/XP

- Pentium 233MHz

- 64 MB di RAM

- 900 MB di spazio libero su disco

- Lettore CD-ROM 4X

- Schede video compatibile con Direct X

Requisiti Minimi Diablo 2 Lord of Destruction:

- Pentium 233 MHz

- 64 MB di RAM

- Diablo 2 installato + 800 MB di spazio libero su Hard Disk

- CD-ROM 4X

- scheda video compatibile DirectX.

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
×
  • Create New...