Jump to content
Anime in Evidenza
Manga in Evidenza
Sign in to follow this  
Sephirot

La Signora Bianconera

Recommended Posts

Il derby proprio in questo momento della stagione non ci voleva perchè il torino giocherà la partita della vita per salvarsi e per salvare la sua stagione....La Juve deve vincere anche perchè sapra già il risultato dell'inter...Forza ragazzi....

Share this post


Link to post
Share on other sites

torino e' bianconeraaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa grande juve e l'inter continua a rubare ........(mi riferisco al goal che nn era goal :firulì: )

 

e poi dice mou che noi abbiamo avuto favori ma daiiiiiiiiiii lo scudetto lo perderai :inferiore: :inferiore: :inferiore: :inferiore:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non è stato il derby più bello mai visto ma dopo l'ingresso di Nedved è stata una bella gara vinta con merito dalla Juve anche se il Toro non ha per niente giocato male anzi ^^ Entrambi i derby di quest'anno alla Juve e ora Chelsea!!

 

 

Il 'muro' bianconero ci crede: Siamo pronti per il Chelsea!

Chiellini esulta dopo il successo nel derby deciso da un suo gol: "Vittoria meritata"

NEWS_1236462086_chiellini-gol.jpg

 

TORINO - Esprime tutta la propria gioia Giorgio Chiellini al triplice fischio finale del vittorioso derby contro il Torino. In un match equilibrato e vibrante soprattutto sul piano fisico, a decidere è stata l'incornata del massiccio difensore bianconero non nuovo a tali exploit: "Ringrazio Nedved per il cross, lo dedico a lui come a tutta la squadra - ha dichiarato Chiellini ai microfoni di 'Sky' - Ci tenevamo a fare bene, abbiamo dimostrato che non avevamo la testa al Chelsea dando il massimo delle nostre possibilità. Questo ci darà ancora più energia in vista di martedì. All'inizio Sereni aveva compiuto un miracolo su Iaquinta - ha proseguito Chiellini - poi loro nella seconda parte del primo tempo ci hanno messo in difficoltà, ma alla fine siamo venuti fuori meritando questo successo. Percentuali per la Champions? Un 51% lo do al Chelsea perché hanno vinto la gara di andata, il restante 49% a noi - sottolinea il 'muro' della retroguardia di Ranieri - Ci crediamo, venderemo cara la pelle".

 

 

Ranieri: "L'importante era vincere"

L'allenatore bianconero applaude la prestazione di Chiellini&compagni dopo la vittoria nel derby

NEWS_1236463229_ranieri_new_2.jpg

 

TORINO - Un derby sofferto ma portato a casa con merito. È questa l'analisi di Claudio Ranieri negli spogliatoi dell'Olimpico sabaudo dopo il successo di misura conquistato nel derby della Mole contro i cugini del Torino. Al trainer bianconero è piaciuta la prova esibita dalla propria formazione, gagliarda e di carattere come consuetudine nel dna della Vecchia Signora: "L'importante era vincere, nel derby non esistono nè punti di differenza nè condizione fisica - ha sottolienato Ranieri a 'Sky' - Noi lo abbiamo interpretato bene, abbiamo avuto 4-5 grosse palle gol contro un paio loro. Per quello che la Juve ha creato, abbiamo meritato il risultato finale. Stasera - continua - ho fatto un pò ruotare i giocatorri che ho a disposizione, non posso tirargli il collo. Ringrazio soprattuto Zebina che ha retto molto bene al rientro dopo tanto tempo. Corini andava espulso? Accetto le decisioni dell'arbitro, sto sempre a favore loro", ha spiegato Ranieri sull'eventuale rosso da sventolare al mediano granata per doppia ammonizione spegnendo così sul nascere qualsiasi polemica. Conclusione, dedicata alla decisiva partita di martedì in Champions contro il Chelsea: "Ce la giocheremo - afferma - Il Chelsea è favorito, ma noi contiamo sull'apporto del nostro pubblico che sarà determinante".

 

 

Iaquinta lancia Ale&David

La punta bianconera punta il Chelsea: "Dobbiamo passare a tutti i costi"

NEWS_1236467542_iaquinta-toro.jpg

 

TORINO - È un Vincenzo Iaquinta decisamente soddisfatto quello che si è presentato ai microfoni di 'Sky' al termine del prezioso e importante successo contro il Torino nella stracittadina torinese. L'attaccante di Crotone, sicuramente uno dei migliori in campo nella serata dell'Olimpico sabaudo, si candida per un ruolo da protagonista martedì in Champions al cospetto del Chelsea nonostante l'agguerrita concorrenza in attacco. "Sono contento della mia prova, erano importanti i tre punti per tenere inalterato il distacco dall'Inter - ha sottolineato Iaquinta - Io sono al 100%, martedì c'è una partita importante, e sicuramente Trezeguet e Del Piero sono rimasti a riposo per portarci alla vittoria con il Chelsea. Dobbiamo passare a tutti i costi. Io in fuorigioco sul gol di Chiellini? La mia posizione non era regolare - amette l'ex Udinese - ma era una situazione difficile da valutare per l'arbitro".

 

[calciomercato.it]

 

 

Chiellini, gioia da derby

 

 

Dopo David Trezeguet e Amauri, c’è il nome di Giorgio Chiellini sul Derby della Mole. Terzo successo in quattro gare per la Juventus che batte 1-0 i cugini al termine di una gara dominata a larghi tratti.

 

Il gol partita al 36’ della ripresa con un colpo di testa su punizione di Nedved. Quasi tutte bianconeri le altre azioni salienti. Palo dello stesso Chiellini e almeno quattro grandi parate di Sereni, il miglior granata in campo.

 

Per la squadra di Ranieri e per tutti i tifosi juventini è una gioia tripla: altro derby vinto, Inter ancora a sette punti e carica doppia in vista della sfida di martedì sera contro il Chelsea.

 

L’impegno ravvicinato con gli inglesi, consiglia Ranieri di operare alcune scelte. Marchionni a riposo, Del Piero, Trezeguet, Nedved, Tiago e Sissoko in panchina. In campo va la coppia Amauri-Iaquinta. Salihamidzic e Zebina si occupano della fascia destra, Giovinco e Marchisio chiamati a sfruttare la loro esperienza fatta in numerosi derby nelle giovanili.

 

Proprio Giovinco è il primo a farsi vedere scaldando le mani a Sereni. Il portiere granata diventa protagonista fin dall’inizio e poco dopo compie un mezzo miracolo su girata di Iaquinta.

 

Il Torino entra in partita col passare dei minuti, ma Buffon deve intervenire solo per fermare due conclusioni di Barone, una da fuori area e una di testa. La Juventus riprende in mano nel gioco, procurandosi una serie di punizioni dalle fasce e calci d’angolo. Da uno di questi, ancora Iaquinta in evidenza e altra prodezza di Sereni.

 

Il primo tempo si chiude sullo 0-0 per merito soprattutto delle parate del portiere torinista. Il quale inizia allo stesso modo la ripresa fermando una girata di Amauri.

 

Nel primo quarto d’ora inizia la girandola dei cambi: Ventola per l’infortunato Rosina, Ariaudo rileva uno Zebina che chiude un’ora di gioco positiva. Il copione non cambia: i pericoli sono ancora tutti di marca bianconera. Nedved subentra a Giovinco e su una sua punizione, Chiellini prende il palo e Sereni salva su Iaquinta in quella che è l’occasione più clamorosa del match.

 

Novellino rivoluziona il centrocampo mettendo dentro Gasbarroni e Saumel per Barone e Corini. Ma a forza di tentativi il fortino granata cade: altra punizione di Nedved e stacco di Chiellini, questa volta vincente: è il 36’ e la Juve è meritatamente avanti.

 

Trovato il vantaggio, i bianconeri vanno subito vicini al raddoppio con Iaquinta e con Amauri. Sissoko entra per Poulsen e con copertura e corsa diventa elemento importante per resistere – senza affanni – negli ultimi minuti. Anche nel recupero Buffon non deve mai intervenire, coperto da Chiellini, Mellberg e Ariaudo. Anche per il ragazzo c’è da gioire: contando quelli con la Primavera, quest’anno sono quattro vittorie su quattro!

 

Serie A 2008/09 - 8ª giornata di ritorno

Torino, stadio Olimpico

Sabato 7 marzo 2009

 

TORINO-JUVENTUS 0-1 (0-0)

RETI: 36’ st Chiellini.

TORINO: Sereni; Colombo, Natali, Dellafiore, Pisano; Abate, Dzemaili, Corini (30’ st Saumel), Barone (26’ st Gasbarroni); Rosina (6’ st Ventola), Stellone. A disposizione: Calderoni, Rivalta, Ogbonna, Bianchi. All. Novellino

JUVENTUS: Buffon; Zebina (15’ st Ariaudo), Mellberg, Chiellini, Molinaro; Salihamidzic, Poulsen (39’ st Sissoko), Marchisio, Giovinco (23’ st Nedved); Amauri, Iaquinta. A disposizione: Manninger, Tiago, Del Piero, Trezeguet. All. Ranieri.

ARBITRO: Farina di Novi Ligure.

AMMONITI: 22’ pt Marchisio, 30’ pt Corini, 38’ st Pisano.

 

[juventus.com]

Share this post


Link to post
Share on other sites

adesso ci basta un piccolo 2-0 per superare il chelsea....il problema è che le punte si devono sbloccare abbiamo bisogno del "Del Piero Terezequet" dell'hanno scorso, quelli che hanno devastato la classifica cannonieri in italia

Share this post


Link to post
Share on other sites

Purtroppo è così... come si può leggere di seguito:

 

 

Juve-choc: stagione finita per 'Momo'...?

Frattura al piede sinistro per Sissoko. Out per oltre due mesi

NEWS_1236516777_sissoko-juve22.jpg

 

TORINO - Brutta tegola in casa Juve a due giorni dalla cruciale sfida di Champions League a Torino contro il Chelsea. Claudio Ranieri, infatti, dovrà rinunciare per l'incrocio dell'Olimpico sabaudo a 'Momo' Sissoko, alfiere del centrocampo della Signora e uomo 'quasi' insostituibile nell'economia del gioco bianconero. Il nazionale maliano, entrato sabato sera nell'ultimo spezzone del derby vinto di misura con il Torino, si è procurato una frattura al piede sinistro, problema questo che lo potrebbe tenere lontano dai campi di gioco per oltre due mesi mettendone a serio rischio il prosieguo della stagione. Per il match contro i Blues di Hiddinh in forse anche Marco Marchonni, alle prese con delle noie muscolari alla coscia.

 

"Ieri sera, nel corso della gara di campionato Torino-Juventus, il calciatore Mohamed Sissoko è stato vittima di un trauma al piede sinistro che gli ha provocato una frattura alla regione metatarsale - recita il comunicato apparso sul sito ufficiale del club di Corso Galileo Ferraris - Le radiografie effettuate al termine della gara presso il C.T.O di Torino hanno evidenziato che tale frattura è al quinto metatarso ed è composta. Le modalità terapeutiche e i tempi di recupero saranno valutati nei prossimi giorni".

 

 

JUVE, VOGLIA MATTA DI CASSANO

Dopo le meraviglie contro l'Inter il barese è sempre più un obiettivo bianconero

NEWS_1236327936_Cassano_Samp.jpg

 

TORINO - E' una Juve con il fiatone quella che si avvicina a due appuntamenti cardine della stagione: il derby contro il Toro sabato sera e il ritorno degli ottavi di Champions all'Olimpico contro il Chelsea di Hiddink e Drogba. Per i bianconeri due partite da non fallire, anche se naturalmente quella europea è la sfida più importante, perchè da dentro o fuori.

 

IL CONSIGLIO In Coppa Italia la Juventus è stata sconfitta 2-1 da una Lazio che è sembrata superiore da un punto di vista fisico: nella ripresa della gara di Roma, infatti, i bianconeri sono crollati, riuscendo a mantenere lo scarto di un solo gol grazie alle parate di Manninger. Sempre in Coppa Italia c'è stato invece chi ha dimostrato di essere in una forma incredibile: Antonio Cassano e il suo nuovo gemello del gol Pazzini hanno steso l'Inter, vittima delle solite lacune difensive e con giocatori che hanno davvero la testa da un'altra parte. Vedere un Cassano come quello di Marassi contro Milan e Inter a distanza di soli 4 giorni è una benedizione per tutti quelli che vorrebbero FantAntonio alla Juve, tra cui Lapo Elkann: "A differenza di Mourinho, non ho più niente da aggiungere sulla querelle dopo il consiglio di andare da Bonolis. Intanto, la Samp lo ha subito spazzolato ed essendo io simpatizzante di Cassano sono ancora più contento. Lui è un elemento positivo, gioca con stile e classe che pochi possiedono. - ha detto Lapo a 'Tuttosport' - Ci siamo sentiti vicini nei momenti brutti e belli, è un amico. Credo sia il valore aggiunto per il calcio italiano. Gran giocatore, umanamente più forte di prima, ha il controllo di sé. Sta bene e questo lo aiuta nella professione. Sono contento per lui. Mi piacerebbe vederlo in bianconero, lo dico da una vita. A chi non piacerebbe? Meriterebbe la Nazionale, ma chi decide...".

 

IN PRESSING In questo momento Cassano è forse il giocatore che più di tutti stanno seguendo Alessio Secco e compagnia. "Noi non abbiamo parlato con nessuno, ma sappiamo benisismo che la Juve è interessata al giocatore. Abbiamo parlato con Antonio, nei prossimi mesi tutto può succedere", aveva detto Beppe Marotta qualche giorno fa, a testimoniare come i bianconeri siano vigili ogni giorno sull'evolversi del rapporto tra Cassano e la Samp. Il giocatore rappresenta, nei piani della Juve, l'eventuale alternativa tattica ad Alessandro Del Piero, e non certo un possibile erede di Nedved sulla fascia. Quindi il rebus per la Vecchia Signora è tra Cassano e il brasiliano Diego, anche lui pallino della dirigenza bianconera: la Samp non avrà problemi a lasciare partire il barese, ma non vuole meno di 16 milioni di euro, mentre il Werder per Diego ne chiede almeno 20. Certo che con un Cassano in queste condizioni è davvero difficile scegliere qualcun altro...

 

 

C'è l'offerta per Silva

La Juventus sarebbe pronta a portare a Torino il gioiello spagnolo

NEWS_1236331830_david-silva.jpg

 

TORINO - Tempo di crisi a Valencia e, anche, tempo di scelte. Il nuovo amministratore delegato degli spagnoli, Javier Gomez, ha annunciato un drastico ridimensionamento del club, causa la grave crisi finanziaria. Saranno ceduti i giocatori con più mercato, tra cui David Silva, che piace molto alla Juventus. In Spagna parlano già di un incontro imminente tra il ds bianconero Secco e la società valenciana, con i bianconeri pronti ad offrire 18 milioni di euro per portare Silva a Vinovo.

 

 

Madama attratta dal 'pupillo' di Zola

Bianconeri in cerca di un difensore: piace Ilunga del West Ham

NEWS_1236381691_Ilunga.jpg

 

TORINO - In casa Juve l'attenzione non è concentrata solamente ad individuare l'erede di Pavel Nedved in vista della prossima stagione. La dirigenza di Corso Galileo Ferraris è alla ricerca anche di un difensore di valore e di prospettiva che possa alternarsi con l'affidabilissima coppia centrale Legrottaglie-Chiellini e, secondo rumors di mercato provenienti da Oltralpe, sarebbe Hérita Ilunga il nome su cui punterebbero forte i bianconeri. Ilunga, eclettico difensore congolese classe '82 di proprietà del Tolosa ma in prestito dallo scorso settembre al West Ham, si sta ben comportando nella Premier League tanto da meritarsi la fiducia del manager degli 'Hammers' Gianfranco Zola, che ne ha fatto uno dei pilastri del proprio scacchiere tattico (può giocare indifferentemente sia al centro che sull'out sinistro della linea difensiva). Sul calciatore, il cui riscatto è fissato a poco meno di 3 milioni di euro, c'è anche il forte interesse del Liverpool.

 

 

Juve: 6 milioni per il dopo Nedved

Interesse dei bianconeri per il trequartista del Chelsea, Deco, poco considerato da Hiddink

NEWS_1236422088_deco.jpg

 

ROMA – Il dopo Pavel Nedved continua a tener banco in casa bianconera e, vista la forte concorrenza del Barcellona per David Silva, la Juve pare stia valutando anche l’ipotesi Deco. Il trequartista del Chelsea, lasciato in disparte dal nuovo allenatore Guus Hiddink, potrebbe rientrare nella rosa di Ranieri già a giugno. Secondo quanto riportato dal Sun, infatti, il club londinese sarebbe pronto a cederlo per 6 milioni di euro. E la Vecchia Signora, secondo la stampa inglese, sembra interessarsi al brasiliano, naturalizzato portoghese, ritenuto un sostituto degno del centrocampista ceco che ha annunciato il suo imminente ritiro a fine campionato.

 

[calciomercato.it]

Share this post


Link to post
Share on other sites
Silva, Cassano :Q_

Povero Momo mi dispiace per lui è uno dei miei giocatori preferiti...

Comunque Andrade si sa che fine ha fatto? :XD:

Non è + giocatore della juve, siccome i suoi infortuni sono costati uno sbilancio alla società gli hanno rescisso il contratto...se nn sbaglio... :mhmm:

 

Edit: ecco ho trovato la notizia nel topic postata da son goku il 26 settembre 2008

 

Andrade - Juve: è un addio

I bianconeri hanno rescisso il contratto del portoghese

NEWS_1222278796_andrade.jpg

 

TORINO - La Juventus ha chiesto la rescissione di contratto di Jorge Andrade. Lo ha reso noto il Consiglio di Amministrazione della società bianconera. Il portoghese non potrà essere a disposizione per tutta la stagione dopo l'ultimo intervento chirurgico. La società quindi ha provveduto a svalutare integralmente il valore residuo del diritto alla prestazione, con un effetto economico di 6,8 milioni sull'esercizio 2007-2008. Il Cda comunica di aver fatto richiesta al Collegio arbitrale della Lega, di risoluzione di contratto, che scade nel 2010. La visita medica cui il giocatore dovrà sottoporsi per la perizia verrà effettuata nelle prossime settimane.

Share this post


Link to post
Share on other sites

oddio ti prego niente cassano in bianco nero...non mi piace per niente come giocatore

 

deco lui si che lo vorrei in bianco nero anche se un bel Lamard sarebbe il sostituto perfetto per la furia ceca

Share this post


Link to post
Share on other sites

Piove sul bagnato...

 

Arriva la conferma: stagione finita per Sissoko

Domani il centrocampista maliano della Juventus verrà operato al piede sinistro

NEWS_1236609773_sissoko.jpg

 

TORINO - Mancava soltanto la conferma ufficiale e adesso è arrivata. La Juventus, attraverso il proprio sito, ha comunicato che "in merito alla frattura del quinto metatarso del piede sinistro del calciatore Mohamed Sissoko, si è deciso di procedere chirurgicamente con un intervento di osteosintesi. Tale operazione sarà effettuata nella giornata di domani dai Profossori Flavio Quaglia e Giuliano Cerulli presso la casa di cura Fornaca di Torino. La prognosi post-chirurgica per la ripresa agonistica è valutabile intorno ai 90 giorni". Stagione finita, dunque, per il centrocampista di Ranieri.

 

 

Buffon: "Derby, carica anti Chelsea"

Il portiere della Juventus è ottimista sul big match di Champions League

NEWS_1236611897_buffon.jpg

 

TORINO - La Juventus si prepara alla grande sfida di Champions League contro il Chelsea. Il numero uno bianconero Gianluigi Buffon è galvanizzato dalla vittoria nel derby ed è convinto che proprio il buon risultato nella stracittadina dia la scossa giusta per fare l'impresa contro i Blues. "Non abbiamo avuto molto tempo per goderci questa vittoria - ha scritto il 'Gigi Nazionale' sul suo sito internet - visto quello che ci aspetta martedì. Contro il Chelsea ci giochiamo il prosieguo del cammino in Champions League. Ma con la carica positiva del derby e con l'aiuto di tutta la gente che accorrerà all'Olimpico, potremo fare l'impresa e ribaltare il risultato di Londra". Il portiere bianconero analizza poi il derby vinto contro i Granata per 1 a 0: "Siamo tutti contenti per l'esito derby e per la soddisfazione che siamo riusciti a regalare ai nostri tifosi. È stata una vittoria difficile, nonostante le tante occasioni che siamo riusciti a creare e le parate del mio collega Sereni. Ho visto un buon Torino, organizzato e più convinto, sicuramente il migliore di quello affrontato nelle ultime quattro sfide. Per questo credo che alla fine del campionato riuscirà a salvarsi, così anche l'anno prossimo potremo vivere questa partita speciale. Devo dire che sono rimasto molto soddisfatto del comportamento dei tifosi. Quando sugli spalti il pubblico vive la gara in maniera corretta, credo che sia giusto sottolinearlo".

 

 

I convocati per il Chelsea, non ce la fa neanche Legrottaglie

Per la sfida di Champions League i bianconeri dovranno rinunciare al difensore, Marchionni e Sissoko, oltre ai lungodegenti

NEWS_1236622349_mellberg.jpg

 

TORINO - Juve ancora sfortunata sul piano degli infortuni. Dopo Marchionni e Sissoko, anche Nicola Legrottaglie non giocherà la sfida di ritorno degli ottavi di finale contro il Chelsea in Champions League. Lo ha confermato in conferenza stampa il tecnico Claudio Ranieri: "Legrottaglie è finito nella lista degli infortunati. Ha un problema al ginocchio sinistro e non ha recuperato in tempo. Ha fatto l'allenamento di questa sera, ma non si sente sicuro e ho preferito non convocarlo. Anche Marchionni è indisponibile, ha un affaticamento muscolare". Ecco la lista dei convocati:

 

Portieri: Buffon, Manninger

Difensori: Chiellini, Mellberg, Zebina, Grygera, Molinaro, Ariaudo, Knezevic

Centrocampisti: Salihamidzic, Nedved, Poulsen, Marchisio, Giovinco, Tiago

Attaccanti: Amauri, Iaquinta, Del Piero, Trezeguet

 

 

Ranieri e Del Piero alla carica

L'allenatore e il capitano della Juventus fiduciosi per la sfida di ritorno di domani con il Chelsea

NEWS_1236626554_delpiero_champions(3).jpg

 

TORINO - Tempo di vigilia europea per la Juventus che domani incontrerà il Chelsea nel secondo atto dell'ottavo di finale di Champions League. Del Piero e compagni dovranno rimontare lo 0-1 dell'andata giocando una partita perfetta. Claudio Ranieri ci crede e a 24 ore dal calcio d'inizio dei secondi 90 minuti contro i blues, carica i suoi ragazzi: "Abbiamo tanto ancora da dare e tireremo fuori il massimo. Anzi, andremo oltre. Io ho giocatori stupendi che hanno fatto vedere cosa sono capaci di fare in questo periodo. La Juve è la storia del calcio italiano e di quello europeo -ha dichiarato il tecnico romano in conferenza stampa-. Tutti i ragazzi che arrivano in questo club, sanno di dover indossare una maglia pesante. Sanno che devono tirare fuori il massimo e, quando è necessario, sanno di dover andare anche oltre le proprie possibilità. Ora noi dobbiamo trovare questa forza dentro di noi. Solo così potremmo andare oltre i nostri limiti. I miei ragazzi hanno tutte le capacità per farlo e domani tireremo fuori tutte le nostre qualità". La fortuna non sorride ai bianconeri che dovranno fare a meno di tre importanti pedine quali sono Sissoko, Marchionni e Legrottaglie: "Legrottaglie è finito nella lista degli infortunati. Ha un problema al ginocchio sinistro e non ha recuperato in tempo. Ha fatto l'allenamento di questa sera, ma non si sente sicuro e ho preferito non convocarlo. Il Chelsea? Credo proprio che Hiddink riproponga il suo solito calcio. Non penso che cambi molto. È un allenatore che cerca di occupare tutte le zone del campo con questo suo 4-3-3, in cui Anelka gioca più aperto sulla sinistra come a Stamford Bridge. Se il francese non dovesse giocare, comunque, è pronto anche Malouda, che è un tornante a tutto campo. In quel caso si passerebbe a un 4-1-4-1 e noi dovremmo stare molto attenti, agili e pronti a capire cosa ci aspetta in campo. E soprattutto come aggirare il loro gioco". Domani toccherà ad Alex Del Piero guidare l'attacco juventino con un compagno di tante battaglie, David Trezeguet. Sarà importante fare gol, più di uno, e soprattutto non subirne. Una gara che il capitano spera di coronare con una prestazione sopra le righe per regalare ala squadra l'accesso ai quarti di finale: "Più che la mia partita, spero che sia la partita di tutta la Juventus. Voglio che la Juve torni a primeggiare e che riesca a passare questo turno di Champions. Quando si è a certi livelli è normale trovare avversari ostici -ha raccontato il numero 10 bianconero in conferenza stampa- Siamo negli ottavi di Champions e a questo punto sarebbe difficile contro chiunque. Ma anche se non è un compito semplice, non vuol dire che non riusciremo a vincere e qualificarci. Ci sono tutte altre intenzioni, abbiamo solo bisogno di segnare". Del Piero inoltre non dimentica il conto in sospeso con Hiddink, l'ex ct della Corea del Sud che nel 2002 eliminò gli azzurri dal mondiale: "Nei Mondiali in Giappone e Corea, Hiddink non è stato un bel ricordo assolutamente. In quella gara, come nelle altre in cui l'ho affrontato, tipo con l'Australia (ai Mondiali di Germania 2006, ndr), ha sempre dimostrato di essere un allenatore preparato sotto tutti gli aspetti. Inoltre ha a disposizione grandi giocatori. In generale è una partita molto difficile per noi. Per me sono fondamentali l'entusiasmo e l'amore per il proprio lavoro -ha continuato Pinturicchio- Sono queste le cose che mi spingono a cercare sempre di migliorare ogni giorno. Il voler primeggiare. Poi entrano in gioco anche le qualità personali, l'orgoglio e l'amore per questa maglia. Non è un caso che la mia carriera sia stata quasi tutta scritta qui alla Juventus".

 

[calciomercato.it]

 

Comunque vada stasera Forza Juve!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ma Ranieri l'anno prossimo se ne va no?? Perchè vabbè k cmq abbiamo dimostrato molto di + di tnt altre squadre in qst champions, ank del chelsea stesso...xò cavolo stai 1-1 k ca**o mi togli Iaquinta k ti corre come un matto?? Ma togli quella schiappa di tiago e metti giovinco, arretrando di poco Del Piero, k in qst casi si adatterebbe benissimo...e sul 2-1 puoi essere 5 giocatori in meno (espulsione di chiellini da rivedere, nn l'ho vista bene) ma non metti Amauri e togli Trezeguet...sei proprio un coglione, xk cavolo, quello è l'unico di tt gli attaccanti k nel finale della partite cn un colpo di testa puo risolverti la situazione...togli marchisio e rischi il tutto e x tutto con 3 attaccanti puri e due mezze punte cm giovinco (spettacolo) e del piero...

 

Ranieri vai a vendere le banane....

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io nn butterei la croce a ranieri...Perchè aveva fatto la formazione giusta in fondo poi sono stati gli episodi e una serie assurda di infortuni (come spiega il preparatore atletico 54 infortuni di cui il 90% muscolari!) hanno contribuito a questa eliminazione...Abbiamo comunque tenuto testa al chelsea e se avessimo avuto qualche ricambio in più in varie zone del campo sarebbe potuta finire diversamente...Dopo due stagioni senza Champions non abbiamo sfigurato (vedi 2-0 al real madrid)...Puntiamo a riqualificarci per la prossima stagione e con qualche acquisto si può puntare in alto.... :ok:

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest Anonymous

ed31431df0532ec0bf700d85abd015ed.jpg

Killer-Drogba: 2-2 a Torino e la Juve è fuori

 

La Juve non ribalta lo 0-1 dell'andata e abbandona la Champions League

121749687616.gif

sarà alla prox ! :smash:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mhm, non so a dire il vero cosa dire. L'unica cosa positiva di questa eliminazione è che manderanno via Ranieri (spero) visto che anche ieri ha fatto vedere quanto è incompetente. Per il resto viste le tante defezioni, l'uscita subito di Nedved, l'espulsione e altro non credo si potesse fare di più. Per come erano messi in campo non so quanto altro si poteva attendere, certo hanno sbagliato troppe cose, troppi passaggi, il Chelsea non era per niente irresistibile. Pazienza, del resto la squadra per arrivare in finale nonc e l'avevamo. Ottimo Giovinco ieri e alla fine speravo almeno di vedere il 2-1 finale in modo da batterli per il prestigio, fa niente. Vorrà dire che quando potrò rivedermi in tv la Juve spero di rivedere una bella squadra grintosa ^^

 

 

Ranieri dà appuntamento alla prossima Champions

"Molto dipende dal non aver fatto gol a Stamford Bridge" rimane l'ossessione del tecnico dei bianconeri, comunque contento della prestazione dei suoi

NEWS_1236725047_ranieri_manicacorta.jpg

 

LONDRA (Inghilterra) - Il rimpianto, è sempre lo stesso. Come un tormento, che non si leva dalla testa. "Molto dipende dal non aver fatto gol a Stamford Bridge": così esordisce il tecnico della Juventus Claudio Ranieri, intervistato nel dopo partita del match contro il Chelsea. Il tecnico è quindi passato all'analisi dell'incontro: "Io non ho visto cali di ritmo ma alla fine ci poteva anche stare, loro hanno avuto solo un calcio di punizione e poi il tiro dalla distanza deviato: per noi è stata una doccia fredda perché chiudere il primo tempo in vantaggio sarebbe stato fondamentale. I ragazzi hanno fatto tutto quello che potevano fare, più di così non si poteva chiedere, hanno tenuto in vita una partita in dieci... E non posso imputare nulla neanche all'arbitro per l'espulsione di Chiellini". Quindi, un occhio al futuro: "Ora abbiamo la possibilità di allenarci, dobbiamo sempre vedere il lato positivo delle cose, ci dispiace uscire ma pazienza... Giocavamo contro una grande squadra. Ci riproveremo l'anno prossimo".

 

 

Del Piero spalma il rimpianto sui 180'

Il capitano bianconero, intervistato da Sky, appare deluso: "Nell'arco delle due partite non credo che abbiamo demeritato"

NEWS_1236726031_Del-Piero.jpg

 

TORINO - Sono tutti d'accordo in casa Juve: il rimpianto non è legato a questo 2-2, ma ai 180' disputati nel complesso tra andata e ritorno. Il capitano dei bianconeri Alex Del Piero, intervistato da Sky, tende a sottolineare questo aspetto: "Il mio rimpianto riguarda tutti i 180 minuti giocati contro il Chelsea. Nell'arco delle due partite non credo che abbiamo demeritato. Però dobbiamo rispettare il verdetto del campo. Il Chelsea è più abituato di noi in questo momento a giocare certe sfide, ma non mi sento di recriminare niente a nessuno di noi. Abbiamo dato cuore e anima, poi questa sera come a Londra è andata come è andata...". Il numero dieci bianconero quindi aggiunge: "Il rammarico e la delusione sono forti. Siamo partiti subito molto bene, poi abbiamo lasciato un po' di campo al Chelsea. Peccato, se fossimo riusciti a chiudere il primo tempo sull'1-0 sarebbe stata una partita diversa".

 

 

Eliminazione Juve, le parole del presidente

Come tutti i tifosi bianconeri, Cobolli Gigli ha rimpianti legati all'illusione della metà del secondo tempo: "Sul 2-1 nel secondo tempo ci ho quasi creduto"

NEWS_1236726884_cobolliok.jpg

 

TORINO - "I ragazzi ce l'hanno messa tutta il Chelsea è indubbiamente una squadra forte, poderosa. Sul 2-1 nel secondo tempo, nonostante fossimo in dieci, ci ho quasi creduto, quasi perché bisognava fare il terzo gol. Complimenti ai ragazzi, complimenti all'allenatore, purtroppo da domani la storia verrà archiviata. E' stata una buona partita, ma non andiamo avanti", così il presidente della Juventus Giovanni Cobolli Gigli, avvicinato dai microfoni di Sky, ha commentato l'eliminazione dalla Champions della compagine bianconera.

 

 

ESCLUSIVO SEGUI: A TORINO PER MOMO E PER LA PARTITA. MENTRE SILVA...

L'agente Fifa intervistato in esclusiva da Calciomercato.it

NEWS_1236709833_sissoko3.jpg

 

TORINO - La Juventus è in campo per giocarsi l'accesso ai quarti di finale di Champions League e, contrariamente a qualche paventato da alcuni addetti ai lavori, l'unico incontro importante che andrà in scena a Torino sarà quello sul rettangolo verde dell'Olimpico. Intervistato in esclusiva da Calciomercato.it, l'agente Fifa Josè Segui, procuratore tra gli altri di Sissoko e Iago Falqué, ha infatti smentito categoricamente le voci su un meeting con la dirigenza bianconera per discutere dell'affare David Silva. "Sono a Torino, ma solo per vedere la partita e per andare a trovare Sissoko in ospedale dopo il triplice fischio. Smentisco categoricamente le voci su Silva. Ho preoccupazioni ben più importanti come la salute di Momo". Ai microfoni di Calciomercato.it, Segui ha parlato anche di Iago Falquè, recente trionfatore al Torneo di Viareggio con la compagine bianconera. "Iago è felicissimo, sta andando bene ed è molto contento. Già pronto per la prima squadra? E' molto giovane ed è tranquillo. Non sono preoccupato, la Juventus prenderà la decisione migliore per il futuro del giocatore. Siamo felici che i tifosi e la Juve siano contenti di lui".

 

[calciomercato.it]

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sono d'accordissimo con te Son, solo xk con quest'allenatore la champions nn la potremmo mai vincere...

x giallo blu: sono d'accordo in campo ha messo la formazione migliore possibile, ma sono contrariato x i cambi...

prima di tutto uscendo nedved poteva sin da subito mettere giovinco, k poteva adattarsi nel suo ruolo e nn Brazo...poi nn avrei mai fatto uscire iaquinta in quella situazione poteva ancora dare, e nn avrei fatto uscire nemmeno trezequet, xk puo rivelarsi importante x gli ultimi lanci in aria...x me i cambi dovevano essere

Giovinco x Nedved infortunato

Amauri x Tiago k era inesistente e quando prendeva palla perdeva 30 minuti di tempo...

e infine con l'espulsione di Chiellini visto un Marchisio poco incisivo avrei messo il Brazo al suo posto...con del piero k arretrava, Mellberg-Grygera centrali (ank se grygera non lo è poteva starci)

Brazo e molinaro fascie..

Del Piero - Giovinco alternandosi centrocampo attacco x sostenere le tre punte...Amauri-trezeguet-iaquinta

A quel punto se devi passare ti devi x forza sbilanciare tnt...era ovvio k se nn ti sbilanciavi loro c avrebbero punito, quindi a parte gl'infortuni, x me la colpa è ank di Ranieri...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sono d'accordo sul fatto ke i cambi non stati giusti...E ho sempre espresso l'idea che ranieri non è allenatore da juve...Ma intendevo dire che le colpe non sono sue al 100%...Tutto qui...Poi penso che il tiro di lampard se lo riprova altre 200 volte con la deviazione non andrà mai più sulla traversa...Ci vuole anche fortuna...Ma comunque rimane una grossissima prestazione...Basti vedere la faccia del Capitano quando torna a centrocampo dopo aver segnato il rigore...La faccia di chi non ci sta a perdere...La grinta che ogni tifoso vorrebbe sempre vedere...Ora concentriamoci su Campionato e Coppa Italia...Che nulla ci è precluso... :yes:

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sono d'accordo sul fatto ke i cambi non stati giusti...E ho sempre espresso l'idea che ranieri non è allenatore da juve...Ma intendevo dire che le colpe non sono sue al 100%...Tutto qui...Poi penso che il tiro di lampard se lo riprova altre 200 volte con la deviazione non andrà mai più sulla traversa...Ci vuole anche fortuna...Ma comunque rimane una grossissima prestazione...Basti vedere la faccia del Capitano quando torna a centrocampo dopo aver segnato il rigore...La faccia di chi non ci sta a perdere...La grinta che ogni tifoso vorrebbe sempre vedere...Ora concentriamoci su Campionato e Coppa Italia...Che nulla ci è precluso... :yes:

:yes: :yes: infatti non ho mai detto k ranieri ha colpa al 100%, ma x me le colpe sono distibuite, 35% ad uno staff preparatori, cn la quale i giocatori hanno sempre infortuni muscolari :U_U: e la cosa è alquato assurda, 45% di Ranieri per le sue scelte, e x non aver avuto una mentalità vincente...e in qst 45 c'è ank la dirigenza che parla molto ma conclude poco...e il restante 20% è colpa di alcuni giocatori k nn hanno avuto la mentalità giusta cm altri (vd il capitano ad esempio k voleva a tt i costi vincere) :ride:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ragazzi devo postare x forza qui x nn creare dissidi in altri topic...ma k goduria aver visto l'inter perdere :Q___

Vedremo se Mourinho adesso dirà qualcos'altro, vediamo come si parerà il culo.. :XD:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non sarà bello da ire, ma godo tantissimo anche io!^^ Non tanto per la squadra o i tifosi ma per lo "special one" che dopo tante belle parole e frecciate a chiunque gli capitasse a tiro non fa meglio di Mancini...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Non sarà bello da ire, ma godo tantissimo anche io!^^ Non tanto per la squadra o i tifosi ma per lo "special one" che dopo tante belle parole e frecciate a chiunque gli capitasse a tiro non fa meglio di Mancini...

Ma io godo soprattutto ank x i tifosi k appoggiavano quel povero illuso :XD:

mesi fa :

Mourinho: "spero di incontrare il Manchester" qst parole furono state prese come "noi possiamo battere kiunque, nak il manchester k in qst momento è la + forte del mondo"

 

oggi:

Mourinho: "Adesso l'Italia sarà felice...ma io ho vinto"

 

Ma che ca**o hai vinto??? :XD: sei solo un buffone...

 

poi continua: "adesso vinceremo lo scudetto"

 

e non hai voglia...xk nn ne vinci altri 15 se ce la fai...tnt sono sicuro k fai cosi xk sei solo un pezzo di merda, k aimè come allenatore sarai bravo, ma sei un mercenario pure te, e a fine anno andrai via...xk nemmeno tt i tuoi tidfosi ti amano -.-"

Share this post


Link to post
Share on other sites

Quest'anno l'Europa veramente letale per le italiane, è rimasta solo l'Udinese in Uefa che stasera gioca con lo Zenit, accidenti.

 

 

Le condizioni di Pavel Nedved

Il centrocampista ceco della Juventus si è infortunato nei primi minuti della sfida di Champions League contro il Chelsea

NEWS_1236779650_nedved.jpg

 

TORINO - La Juventus, dopo l'eliminazione dalla Champions League, è tornata ad allenarsi in vista della prossima partita di campionato contro il Bologna in programma sabato sera. Seduta defatigante per la squadra, Trezeguet e Del Piero hanno lavorato in palestra. Era assente invece Pavel Nedved: il centrocampista di Ranieri, uscito anzitempo ieri durante la sfida contro il Chelsea, ha rimediato un forte colpo all'ultima costola sinistra e le sue condizioni verranno valutate giorno per giorno. Si sono rivisti in campo anche Paolo De Ceglie e Mauro German Camoranesi.

 

 

Modello e obiettivi nuovi per Amauri

L'attaccante bianconero ora punta sull'accoppiata scudetto-Coppa Italia ispirandosi a Drogba

NEWS_1236784630_amauri(4).jpg

 

TORINO - "Ora ci restano due competizioni, non abbiamo intenzione di mollare niente". La Juventus pensa già al domani. Il pareggio rimediato ieri all'Olimpico contro il Chelsea, che è costato l'eliminazione dei bianconeri dalla Champions League, appartiene ormai ai brutti ricordi. Amauri, come tutto lo spogliatoio, proietta la sue speranze, la sua sete di vittoria su Coppa Italia e campionato: "Ci dispiace molto per l’eliminazione, ma ieri abbiamo davvero fatto una grande partita. Non dimentichiamoci che di fronte avevamo un Chelsea che lo scorso anno ha perso la coppa per un calcio di rigore e noi siamo stati all’altezza". Si interrompe così la prima avventura europea dell'attaccante di Carapicuíba (che mette a segno due le reti, una nel preliminare contro l'Artmedia e l'altra nella sfida dell'Olimpico contro il Real) e della Juventus di Ranieri, quella risorta dalle ceneri della cadetteria dopo le note vicende di calciopoli. Il brasiliano, ispirato proprio dal castigatore dei bianconeri, Didier Drogba, fissa infine un suo personalissimo obiettivo: "In queste due partite ha dimostrato di essere un attaccante eccezionale. Io voglio migliorare ancora e spero di poter arrivare presto al suo livello".

 

 

Ranieri, messaggio alla società

L'allenatore bianconero chiede rinforzi

NEWS_1236762753_claudioranieri2.jpg

 

TORINO - Nell'eliminazione dalla Champions League della Juventus hanno avuto un forte peso gli inforuni e la sfortuna, ma anche l'inesperienza internazionale di alcuni giocatori ha giocato un ruolo fondamentale nel doppio confronto con il Chelsea. E' questo il pensiero di Claudio Ranieri che, a margine del pareggio per 2-2 di ieri, ha lanciato un chiaro messaggio alla dirigenza bianconera: "Adesso dobbiamo prendere giocatori importanti che ci facciano fare il salto di qualità". Sopratutto in difesa e a centrocampo dove gli ottimi giovani della compagine bianconera non sembrano dare in Champions le stesse garanzie che riescono a fornire in campionato. Una prova evidente è Giorgio Chiellini, divenuto dalla scorsa stagione il difensore più forte della serie A, ma resosi protagonista ieri di uno scriteriato intervento da tergo su Drogba a centrocampo che ha lasciato in dieci la squadra nel momento più delicato.

 

[calciomercato.it]

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...