Vai al contenuto
Anime in Evidenza
Manga in Evidenza

marte9020

Collaboratori
  • Numero contenuti

    1566
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Days Won

    14

marte9020 Hai vinto il giorno Maggio 1 2017

marte9020 Congratulazioni, hai avuto il contenuto più apprezzato!

Su marte9020

  • Rank
    Saiyan liv 3

Come contattarmi

  • Website URL
    http://dozy3.com

Informazioni

  • Sesso
    Maschile
  • Località
    Ancona

Informazioni aggiuntive

  • Anime preferito
    BLEACH

Visite recenti

Il blocco dei visitatori recenti è disabilitato e non viene mostrato ad altri utenti.

  1. marte9020

    Dragonball Arcade (fan game creato da me)

    Ciao, sicuramente può rivelarsi un buon progetto. Comunque, in genere oltre ad essere indicato presentarsi nella sezione apposita, quando si promuove un gioco può essere indicato postare degli screen del titolo (oltre ai requisiti minimi se per pc), così da dare un'idea di quello che si va a scaricare.
  2. marte9020

    Dragon ball Z Blu-Ray

    Ciao, no non verranno mai inseriti in quanto la serie è già licenziata da anni. Se noti nel forum sono presenti solo serie anime/manga per cui in Italia nessuno ha acquistato i diritti di pubblicazione/distribuzione. Trovi anche delle serie parzialmente licenziate in Italia (es. One Piece), ma questo in quanto per le serie a lungo termine i diritti vengono acquisiti per blocchi di episodi e non per la serie intera. Una volta che tali episodi vengono licenziati vengono poi rimossi dal forum.
  3. marte9020

    Aiuto Tesina!

    Beh guarda, sono passati diversi anni da quando ho fatto la tesina, comunque piuttosto che incentrarla solo sul gioco potresti ribaltarla ed incentrarla invece sul discorso di Greenlight e poi porti come esempio questo titolo. Parlando di greenlight sviluppandolo bene hai sicuri economia (sia gli aspetti classici che del marketing), diritto (per tutti gli aspetti legali della cosa) e storia (andando a toccare lo sviluppo degli USA nel secondo dopoguerra, soprattutto in campo tecnologico). Già saresti a 3 materie. Ammettendo che ancora si studi ancora geografia nel triennio puoi sbatterci il discorso della globalizzazione e tutte queste menate qui. Se non si studia più geografia la puoi sviluppare in inglese e hai 4 materie. Italiano la vedo abbastanza dura come materia da farcela entrare
  4. marte9020

    [PC] Mass Effect: Andromeda

    Mass Effect Andromeda Recensione realizzata da: marte9020 Immagini prese da: Sito del gioco Videorecensione: Spaziogames.it Honest Game Trailer: Smosh Games L'ultima uscita prodotta da casa Bioware va a rilanciare uno dei suoi titoli che ha avuto più successo (e alle volte anche più critiche), lasciandoci alle spalle gli eventi della trilogia originale e portando l'umanità (insieme a Krogan, Asari, Turian e Salarian) nella galassia di Andromeda La Storia La storia del gioco di svolge circa 600 anni dopo gli eventi della trilogia originale ma vengono messi in moto ben prima dell'attacco della Sovereign alla Cittadella. Ci troviamo a far parte dell'Iniziativa Andromeda, un'associazione di specie organizzata da una scienziata umana, con lo scopo di popolare la galassia di Andromeda inviando 5 arche, una umana, una salarian, una turian, una salarian e una multispecie (quarian, hanar, elcor e drell), unitamente al Nexus (una versione ridotta della Cittadella), nella galassia di Andromeda. Il viaggio con le tecnologie "attuali" richiede circa 600 anni, ed è qui che sta la fregatura. Dopo esserci sbattuti per ore e ore con la trilogia originale sperando che alcune scelte già fatte venissero conservate, zac. Tutto cancellato, o quasi. Stando alle informazioni le arche sono partite pochi mesi dopo il prologo di ME2 (visto che viene riportato il progetto Lazarus volto a riportare in vita Shepard), anche se nessuno ha mai parlato del fatto che migliaia di persone interspecie abbiano deciso di partire per una nuova galassia (compreso l'Uomo Misterioso) e quindi si inizia di nuovo da capo. Ci risvegliamo nell'arca umana dalla stasi criogenica e subito ci troviamo un caloroso benvenuto...La galassia di Andromeda, che vista con i sensori e telescopi costruiti dai Geth sembrava essere un paradiso, è invece flagellata da una strana composizione di materia oscura che l'ha praticamente devastata. Dopo essere discesi sull'Habitat 7 (la località di arrivo predefinita per la colonia umana), aver scoperto che il pianeta è una mondezza e aver affrontato una nuova specie ostile con contestuale morte del pioniere umano (e padre del protagonista), l'arca Hyperion fa rotta verso la località del Nexus, scoprendo che le altre 3 arche gemelle sono disperse (l'arca quarian non è mai partita a causa di ritardi), o forse distrutte. Il nuovo pioniere (il nostro personaggio), si trova quindi a dover affrontare una nuovo nemico, la scarsità di risorse nel Nexus, gli habitat distrutti e per finire una rivolta che ha portato molti coloni a darsi alla pirateria. La storia purtroppo sa di già visto, in quanto si rivela essere un miscuglio tra Inquisition, la saga originale e altre opere simili. Modalità di gioco Il gamplay sostanzialmente è rimasto invariato da Mass Effect 3, con alcuni ritocchi nello stile visto da Inquisition. Ci spostiamo per le varie aree a piedi, o attraverso il mezzo terrestre Nomad (privo di armi) e attraverso la mappa stellare nella Tempest è possibile esplorare nuovi pianeti e spostarsi tra i vari sistemi come già visto nei titoli precedenti. La squadra a terra al solito è composta da altre 2 persone che mano a mano con il progredire della storia vi forniranno delle missioni secondarie con il quale sbloccare tutte le loro abilità. A disposizione possiamo sloccare le classiche armi già ben conosciute nella trilogia precedente, che nuovi set di armi uniche ricercabili usando la retroingenieria sulla tecnologia locale e quella Kett. L'IA varia in base alla tipologia di nemico affrontata, in ogni caso alla massima difficoltà offre una buona sfida e vi costringe a riorganizzarvi spesso e a dover sfruttare innovazioni come il jetpack per sfruttare magari i livelli più alti delle mappe. La pecca fondamentale è che il gioco è, allo stato attuale, afflitto da una moltitudine di bug non indifferenti (almeno su pc) che sono anche in grado di rovinare totalmente il gioco (si va dai classici glitch grafici, fino al mancato caricamento dei menù passando per le cutscene che non vengono avviate. Il più delle volte però basta ricaricare un salvataggio manuale precedente per risolvere. Il mio consiglio è quello di salvare manualmente almeno ogni 30 minuti, alrimenti rischiate di dover rifare intere sezioni. In ogni caso tra quest principali, secondarie, minigiochi e altre attività sarete impegnati per una sessantina di ore, il che non è male. Grafica e sonoro Per quanto riguarda la grafica, personalmente sono rimasto deluso, in quanto è praticamente la stessa che troviamo in Dragon Age Inquisition, ormai di due anni fa, con gli stessi problemi, ad esempio per quello che riguarda l'illuminazione, o anche la meccanica delle espressioni facciali (parzialmente risolta con l'ultima patch). Intendiamoci, è comunque godibile, ma venendo dall'esperienza precedente di Horizon sembra di giocare a un titolo su PS3. E' pur vero che la mia configurazione attuale non permette più di avere tutti i dettagli a ultra, in ogni caso dubito che migliorerebbe poi di molto. Per quanto riguarda il sonoro, il doppiaggio nella versione originale (inglese) è buono e mi è piaciuto, il problema però è che spesso e volentieri non c'è la sincronizzazione con il labbiale (parzialmente risolvibile decidendo di tenere i caschi anche durante i dialoghi). La colonna sonora invece come nei capitoli precedenti è molto buona, il che è sicuramente uno dei punti forti del titolo. Conclusione Mass Effect Andromeda cancella di fatto, almeno per ora, tutte le scelte fatte nella trilogia precedente, andando ad invischiarsi in una nuova storia che sa però di già visto e caotico (anche se dalle grandi potenzialità in vista di una possibile nuova trilogia). Personalemente sono rimasto abbastanza deluso dal titolo, soprattutto all'inizio durante il prologo, scoperto che niente di tutto quello che era stato fatto prima sarebbe stato trasposto in questo nuovo capitolo mi era anche passata la voglia di giocarlo. Piano piano invece ha poi ingranato e mi ci sono anche divertito parecchio (quando non ho trovato i bug). Per completare l'avventura si parla di una media di 60 ore tra missioni principali, secondarie e incarichi vari, la mia partita è durata 61 ore e 30. Non consigliato per l'acquisto immediato, soprattutto se siete fan della serie (visto che ne verrete delusi). Prendetelo magari quando scende di prezzo. Certo il gioco si conclude in modo da dare la possibilità di sviluppare futuri nuovi capitoli e DLC, magari integrandoli con i fatti accaduti nella Via Lattea con la trilogia originale. Durante l'esplorazione infatti verremo a conoscenza del fatto che dietro all'iniziativa c'è ben più di quello che viene pubblicizzato. Speriamo quindi che nel futuro della serie la Bioware torni in carreggiata sfruttando bene tutte le possibilità che si sono creati. Voti Grafica: 7 Sonoro: 8 Longevità: 9 Gameplay: 7 Videorecensione Honest game Trailer
  5. marte9020

    Antibanner

    Come non detto, apparentemente ora la cosa si è risolta da sola dopo che per altri motivi ho svuotato la cache di Chrome e Edge
  6. marte9020

    Antibanner

    Solo a me succede che anche abilitando i banner pubblicitari dal forum continua ad apparire insistentemente il messaggio per abilitarli così da poter visualizzare il sito? Uso Kaspersky che ha il plugin integrato per questo (al momento per visualizzare il forum devo o disabilitarlo o bypassare il blocco).
  7. marte9020

    [PS4] Horizon: Zero Dawn

    HORIZON: ZERO DAWN Autore: marte9020 Immagini prese da: Google Videorecensione: Spaziogames.it In un futuro non troppo lontano la Terra è tornata in uno stato primordiale, gli umani vivono in tribù o regni più o meno grandi costantemente sotto la minaccia delle macchine che sono di fatto diventate la nuova specie dominante sul pianeta La Storia Nel gioco impersoneremo Aloy, una ragazza di circa 19 anni emarginata giù dalla nascita dalla sua tribù di appartenenza, i Nora. Viene cresciuta da un altro esiliato di nome Rost che se ne prende cura allevandola come una figlia e gli insegna tutto il necessario per sopravvivere nel mondo occupato dalle macchine. Raggiunti i 16 anni Aloy puà partecipare ad una prova, concessa a tutti i giovani della tribù, grazie alla quale vincendo, oltre a diventare a tutti gli effetti un membro della tribù può chiedere quello che più desidera, comprese risposte alle sue numerose domande. E' proprio dai fatti incorsi durante la prova che prende il via la storia principale portandoci a scoprire i fatti che hanno di fatto decimato la nostra specie e hanno ridotto il pianeta in questo stato Gameplay Il gioco è un classico freeroaming con visuale in terza persona. Oltre all'esplorazione un ruolo estremamente importante è dedicato al crafting di accessori e al potenziamento delle armi acquistabili dai vari mercanti. Le materie ottenibili sono di vario tipo, si va dalle risorse alimentari prelevate dalle piante, alle parti di animali che popolano il pianeta, fino ai componenti delle macchine che girano nel mondo di gioco. Il sistema di armi è composto da tre tipologie di archi (da caccia, da guerra e da precisione), una fionda usata per lanciare delle bombe, un lanciacavi e una sorta di balestra in grado di lanciare più frecce contemporaneamente con scarsa precisione. Onguna di esse ha alcune varianti che sbloccano l'accesso a nuovi tipi di munizioni, come quelle infuocate, congelanti o dirompenti (in grado di creare una piccola esplosione utile per eliminare le corazze e le attrezzature delle macchine). A difficoltà normale l'IA offre una buona sfida, ma è comunque relativamente limitata, in quanto, almeno negli spazi aperti, è possibile sfruttare un minimo di pianificazione per colpire (soprattutto le macchine) dal limite del loro campo di azione. Mentre noi possiamo muoverci liberamente, vincolati solo dai confini del mondo di gioco, le macchine sono vincolate in una sorta di cerchio che delimita la loro area d'azione. Ogni zona ha un cerchio differente, ovviamente al giocatore è invisibile, ma è facile trovarne i confini e sfruttarli a proprio vantaggio, il che permette di affrontare anche incarichi relativamente difficili quando il nostro personaggio ha un livello relativamente basso, ottenendo così esperienza e livelli che permettono di acquisire nuove abilità. Oltre agli archi abbiamo anche a disposizione una lancia, che verrà potenziata con un dispositivo in grado di assumere il controllo delle macchine che popolano il mondo di gioco. Per poterle controllare abbiamo bisogno di eseguire l'override sui nuclei dei Calderoni, cioè i posti in cui le macchine vengono create. Sostanzialmente hanno tutti lo stesso layout, anche se di volta in volta trovete nemici diversi ad attendervi. Oltre a queste si aggiungono delle armi speciali, come i railgun o i mitragiatori, che possiamo rubare a determinati nemici o staccare da alcune macchine danneggiandole. Durante il mio gamplay ho praticamente lasciato da parte la storia principale dedicandomi invece all'esplorazione, alla conquista dei calderoni e al miglioramento delle armi, tantè che ho iniziato la vera storia al livello 30 ed avendo ottenuto armi di alto livello, delle buone armature e la possibilità di eseguire l'override sulla maggior parte delle macchine è stato relativamente semplice completare il titolo. Grafica e sonoro Per quanto riguarda la grafica il titolo è ad altissimi livelli, tantè che è uno dei giochi visivamente più belli a cui abbia giocato su PS4, se la batte con Uncharted 4 (a parere mio). Dall'animazione dei personaggi, alla loro modellazione, ai dettagli dei vari robot (che riprendono l'aspetto di animali come cervi, coccodrilli, ecc...), fino alla riproduzione di animali come i cinghiali o le volpi, tutto è stato curato nei minimi particolari. Probabilmente l'unica cosa a lasciare interdetti è il ciclo notte/giorno che in alcuni momenti sempre rapidissimo, mentre in altri non passa mai. Ho giocato il titolo interamente in inglese e il doppiaggio è ottimo anche con la sincronizzazione con il labbiale. Per quello che riguarda la colonna sonora è molto gradevole e vi accompagna bene durante l'esplorazione libera e i momenti salienti. Conclusioni HORIZON Zero Dawn porta alla luce un mondo sconvolto dalla nostra stessa specie, in un modo che potenzialmente, almeno stando ad anni di film/serie e racconti di fantascienza potrebbe anche avvenire nei nostri giorni. Ci riporta a vivere con un stile di vita a noi praticamente ormai alieno, in cui la sopravvivenza non è garantita e la lotta viene portata avanti ad armi impari contro macchine, più o meno aggressive, armate di tutto punto. Sicuramente è uno dei titoli migliori a cui abbia giocato su PS4. Ve lo consiglio vivamente, in quanto anche la storia è interessante, soprattutto se la si scopre pezzo per pezzo ritrovando frammenti di conversazioni o di email lasciate dai "predecessori". Voti Grafica: 9 Sonoro: 9 Gameplay: 9 Longevità: 9 VIDEORECENSIONE HONEST GAME TRAILER
  8. marte9020

    Domandina

    Ciao, Intanto scusa nel ritardo ma non avevo visto il post. In ogni caso al momento le ho tutte e tre nelle versioni normali, quindi non in quelle riviste Xbox One S o PS4 PRO e posso dirti che, per le console fisse, se vai sui modelli classici escludendo "l'enorme divario" in fatto hardware che farebbe prevalere sulla scelta della PS4, in realtà per l'utente finale sono praticamente allo stesso livello. Certo, è vero che ci sono giochi meglio ottimizzati per la PS4 in quanto più potente della versione standard della One, ma sono esattamente gli stessi discorsi che si avevano in piena console war nella generazione precedente tra la 360 e la ps3. Servono solo a lasciare il tempo che trovano, anche se vengono fatti (purtroppo) da siti autorevoli. Come già ti è stato scritto sopra la differenza principale la fanno i titoli che ti interessano. Sulla ONE ad esempio hai già a disposizione Gears of War 4 e Halo 5, entrambe sono serie che per la Microsoft sono una sorta di cavallo di battaglia, ma hai anche in uscita (ancora non si sa quando nel 2017 State of decay 2). Su PS4 hai Uncharted 4 (uscito lo scorso anno) e altri titoli in uscita nel 2017, tipo Horizon (uscito oggi), il remake di Crash Bandicot, Uncharted The Lost Legacy e altri. Al momento, almeno per i titoli che piacciono a me propenderei sull'acquisto della console Sony, visto che quest'anno la lineup è decisamente buona. Per quello che riguarda la PS VITA sinceramente mi sono abbastanza pentito dell'acquisto, in quanto l'ho presa diversi anni fa e qui in Europa ancora non c'erano molti titoli disponibili e ancora la situazione non è poi così migliorata, soprattutto considerando che in Giappone ad esempio è tutta un'altra storia e ci sono moltissimi titoli disponibili. Per quello che riguarda l'ergonomia è simile a quella della PSP, per giocarci ci giochi bene, in caso puoi sempre acquistare comunque gli adattatori per farla diventare quasi un normale controller e gestirla meglio. La XBOX ONE, oltre alla retrocompatibilità con molti titoli della 360, offre da qualche mese anche il sistema play anywhere, che ti consente per molti giochi, se acquisti la versione digitale, di giocarli anche via PC (con windows 10) e i salvataggi sono cross platform, quindi puoi giocarli tranquillamente su entrambe le piattaforme. Sulla PS4 ti segnalo che molti titoli per PS4 hanno ottenuto il porting, ad esempio se non sbaglio anche per quelli di SAOL è possibile giocarci sulla console casalinga. Se ti interessa il genere inoltre con la PS4 hai la possibilità di giocare con titoli in realtà virtuale, acquistando l'apposito trespolo che costa più della console stessa.
  9. marte9020

    [PC] Watch_Dogs 2

    Recensione realizzata da: marte9020 Immagini prese da: ingame Videorecensione a cura di: Spaziogames.it A due anni dall'uscita di Watch_Dogs viene rilasciato il seguito che ne riprende le tematiche centrali andando però a porsi in tutt'altro genere rispetto al predecessore. Finalmente Ubisoft ha fatto una mossa giusta e per questo gli va riconosciuto il merito. LA STORIA Watch_Dogs 2 si svolge a San Francisco e ci mette nei panni di Marcus, un hacker conosciuto con lo pseudonimo di Retr0. Dopo aver completato una missione di reclutamento, entra a far parte del DedSec (il collettivo di hacker già visto nel capitolo precedente). Lasciandoci alle spalle completamente la parte del giustiziere mascherato in cerca di vendetta (visto purtroppo nel "fantastico" capitolo precedente), ci immergiamo questa volta in un mondo più "vivo" e fin troppo simile alla realtà di tutti i giorni. Lo scopo del gruppo DedSec è quello di ostacolare il sistema CTos (già visto nel capitolo precedente), che in pratica è un sistema operativo di gestione delle città. Il gruppo scopre che l'attuale CEO della BLUME (società proprietaria del CTOS) sta portando avanti un piano attraverso questo sistema per spingere tutte le società a scegliere di utilizzare i sistemi di sicurezza della BLUME, manipolando ad esempio le elezioni, spiando i cittadini tramite sistemi di sicurezza, ecc...Lanciano così un'app denominata DedSec con cui chiunque scaricandola può "prestare" la potenza di calcolo del proprio dispositivo al collettivo di hacker e grazie al questo raggiungere poi lo scopo ultimo che è quello di smascherare le trame della BLUME. GAMEPLAY Il gameplay è stato rivisto e migliorato. Marcus può contare su una buona agilità e anche una discreta esperienza con il parkour, il che gli permette di superare moltissimi ostacoli agilmente (senza trovate alla Assassin's Creed). Il campionario delle armi spazia da armi realmente esistenti a prototipi modificati dal DedSec, fino a due droni, uno voltante e uno a terra, il tutto viene stampato dalle stampanti 3D collocate nei vari nascondigli. Purtroppo la sensazione di invulnerabilità, già vista nel primo capitolo, derivante dal fatto che con un semplice tasto si possono far esplodere tubature, disattivare comunicazioni, far esplodere cellulari e altro, è rimasta, così come la non brillantissima IA. Il titolo in ogni caso rimane godibilissimo in ogni sua parte. Per quello che riguarda la personalizzazione del personaggio il gioco, visti i protagonisti, "vorrebbe" che sceglieste uno stile hipster, però ci sono molti negozi di vestiti in cui potete scegliere il look preferito per Marcus, che siano ad esempio abiti da skater, da motociclista o eleganti. Il parco dei veicoli è abbastanza ampio e si sblocca mano a mano che visitate i vari concessionari. Si va dalle auto blindate alle classiche sportive, così come dalle vespe alle moto da corsa. Acquistando i veicoli potete poi richiamarli tramite l'app apposita che li farà comparire nel parcheggio più vicino a dove vi trovate (ovviamente è poi possibile anche rubare i vari veicoli per strada). Lo scopo delle vostre missioni è quello di guadagnare nuovi followers con cui potenziare i sistemi a vostra disposizione. Più followers otterrete e più livel,li guadagnerete. Ogni livello vi permette poi di ottenere die punti spendibili per migliorare le abilità a disposizione di Marcus. Una nota "frustrante" è che il gioco è "sempre" online e sfrutta una protezione per evitare l'utilizzo di trucchi e simili. Questo fatto comporta che vi troverete spesso e volentieri ad avere attivate missioni multiplayer con giocatori che scorrazzano in giro per la mappa o vogliono venirvi dietro pensando che vogliate giocare e invece vi state solo facendo i ca**i vostri. Da PC fortunatamente la cosa è relativamente semplice da disabilitare in quanto basta lanciare il gioco impostando la riga di comando per eludere la protezione anticheat, su console però temo non sia possibile. GRAFICA E SONORO Graficamente parlando, a parte qualche problematica ricorrente di casa Ubisoft, il titolo risulta molto gradevole anche giocato con dettagli impostati su alti (A ultra con la mia configurazione è ingiocabile). I modelli dei personaggi giocanti e non sono ben realizzati, anche se alla lunga quelli degli NPC sono ripetitivi. In ogni caso il titolo vi sorprenderà spesso e volentieri, in quanto camminando a piedi vi ritroverete ad assistere a scene di vita quotidiana ben realizzate. La colonna sonora è ottima e comprende numerosi successi di vari generi musicali. Attraverso lo smartphone potete attivare il player musicale con cui creare le vostre playlist (solo con le canzoni che sbloccate nel gioco) e riprodurle a piacimento, oppure potete collegarvi a una delle varie radio che trasmettono la classica musica a rotazione. Per sbloccare nuovi pezzi tutto quello che dovete fare è utilizzare l'app apposita (simile a molte app reali che ti consentono di conoscere il titolo delle canzoni che state sentendo intorno a voi). Il doppiaggio in inglese è ben fatto e anche a livello di sincronizzazione con il labiale dei personaggi non ci sono grossi problemi. CONCLUSIONE Watch_Dogs 2 è il titolo che stavamo aspettando da quando la Ubisoft annunciò l'uscita di un gioco dedicato al mondo degli hacker. Accantonata la delusione del primo capitolo si inizia nuovamente da 0 ripensando il gamplay e rendendolo molto più "reale" e divertente. Personalmente mi sento di consigliarvelo anche a prezzo pieno. Inizialmente ad essere sincero pensavo proprio di saltarlo come gioco con il classico pensiero "è della Ubisoft, non è South park, è sicuramente una cagata", però dopo aver visto l'honest game trailer mi sono ricreduto. VOTI GRAFICA: 8 SONORO: 8 GIOCABILITA': 8 LONGEVITA': 8 VIDEORECENSIONE
  10. marte9020

    Che mi consigli? (Anime e Manga)

    Qualcuno ha qualche anime da consigliarmi? Al momento che ricordi ho visto questi (quelli con l'asterisco vicino sono quelli che mi sono piaciuti di più): Ajin Attack of Titan* Black Lagoon* Bleach* Code Geass Cowboy Bebop* Death Note* Devil May Cry Dragon Ball (Dragon Ball, Z, GT) Full Metal Alchemist (FMA e Brotherhood)* Ghost in The Shell (Stand Alone Complex 1 e 2, Arise e i vari film)* Gintama* GTO Gundam (Wing, 00, Age, After War Gundam X, Seed, Seed Destiny, Stargazer, Z Gundam, Mobile Suit Gundam, ZZ, 08th msteam) Gurren Lagann Hellsing Inuyasha (1 e The Final Act) Knights of Sidonia Naruto (1 e Naruto Shippuuden) Neon Genesis Evangelion Psycho-Pass Ranma 1/2* Saiyuki (1 e Reload) Samurai Champloo Steins;Gate* Sword Art Online (1 e 2)* Trigun Wolf's Rain
  11. marte9020

    [PC] MAFIA III

    [PC] MAFIA 3 Recensione a cura di: marte9020 Immagini prese da: STEAM Videorecensione a cura di: Spaziogames.it Il terzo capitolo della serie MAFIA ci mette nei panni di Lincoln Clay, un ex membro afroamericano delle forze speciali statunitensi che tornato a casa dalla guerra del Vietnam si trova ad avere a che fare con la mafia di New Bordeaux (una trasposizione digitale di New Orleans). La storia Tornato dal Vietnam Lincoln torna a casa per riabbracciare la sua famiglia adottiva e per comunicargli la decisione di trasferirsi in California per andare a lavorare in un cantiere navale. Una volta a casa scopre che la sua famiglia ha dei grandi problemi con una banda di haitiani e questo sta mandando a monte molti affari nel quartiere impedendo così di pagare la quota alla famiglia mafiosa dei Marcano (che controllano la città). Lincoln prima di partire decide quindi di occuparsi degli haitiani e di partecipare ad una rapina organizzata dai Marcano alla Federal Reserve. La rapina è un successo, ma poi i Marcano decidono di liberarsi di tutti i partecipanti eliminando anche la famiglia di Lincoln. Sopravvissuto miracolosamente ad un colpo alla testa Lincoln chiede aiuto ad un suo vecchio supervisore nella CIA per spodestare la famiglia Marcano dalla città. Gameplay Il gameplay è il classico freeroaming in terza persona in stile GTA. Vi muovete liberamente nella mappa di gioco, che consiste nella trasposizione digitale di New Orleans e nei sobborghi, consistenti nelle paludi limitrofe sparando e facendo poco altro (purtroppo). Le missioni non sono molto variegate, quindi mano a mano che prenderete il controllo delle varie zone della città fondamentalmente vi ritroverete a fare sempre le stesse cose nello stesso modo. Il titolo vorrebbe proporre sia un approccio stealth che quello armi alla mano. Inutile dire che la fase stealth la userete per provarla 1/2 volte per ripiegare invece sempre per entrare sparando a qualsiasi cosa si muova, anche perchè l'IA è molto scarsa (a difficoltà difficile) e aspettare i comodi delle guardie che inizino i pattugliamenti è relativamente snervante. Anche la polizia lascia molto a desiderare, in quanto togliendo 1 o 2 missioni in cui vi ritroverete ad avere un livello fisso di allerta, per tutto il resto del gioco in pratica non vi importunerà mail (nonostante la maggior parte degli agenti sia corrotta dai marcano). Il titolo è ambientato alla fine degli anni 60 in un'america ancora piegata dal razzismo nel confronto di tutti quelli che non sono bianchi. Vi ritroverete ad avere a che fare con luoghi riservati e ad organizzazioni ispirate al Ku Klux Klan intente ad uccidere e tormentare gli afroamericani. Sicuramente sotto questo punto di vista non è semplice giocare a questo capitolo. Durante la campagna per la conquista dei quartieri della città dovrete prendere in mano dei racket (2 per ogni quartiere) ed affidarli ai vostri sottoposti. Questi poi vi conferiranno periodicamente una quota (estremamente ridotta) dei loro guadagni (direi anche ridicola). Mano a mano che affiderete agli haitiani, agli italiani o agli irlandesi dei racket, questi vi offriranno come ricompensa dei favori, degli associati (come un negozio mobile di armi o un gruppo armato di supporto) o delle armi aggiuntive (come armi pesanti o silenziate). Purtroppo il titolo non è stato sviluppato al meglio e si sente la mancanza di implementazioni viste in altri giochi simili, come la serie de Il Padrino della EA. Nel senso che per la mappa trovate moltissimi posti visitabili, come bar, pub, benzinai, ecc... però fondamentalmente a voi non serviranno a nulla, in quanto ad esempio non è possibile chiedergli il pizzo o interagire con loro in alcun modo (salvo rubargli i soldi dai registratori di cassa). Per fare soldi quindi l'unico modo che avrete è quello di rubarli dai racket nemici quando li assaltate o di prendere le briciole che vi lasceranno i vostri sottoposti. A mancare è anche la possibilità di svolgere attività secondarie e la personalizzazione del personaggio. Fondamentalmente quindi ci si stanca facilmente di questo gioco, anche perchè non si viene invogliati a rigiocarlo, nonostante la possibilità di avere 2 finali. Grafica e sonoro Graficamente parlando, se il vostro pc lo permette, il titolo appare ad un primo sguardo gradevole, mentre invece è perseguitato da glitch grafici ed enormi problemi con l'illuminazione e la gestione delle ombre. La qualità dei personaggi giocanti e non e le animazioni sono comunque buone, anche se non eccezionali. Il sonoro è invece un punto di forza del titolo, a cominciare dal doppiaggio inglese, che è eccezionale, fino alla colonna sonora, che riporta brani di grande successo degli anni 60/70 da Johnny Cash ai Rolling Stones Conclusione Mafia 3 sfortunatamente è una mezza delusione. Il titolo si sviluppa come un documentario sulla mafia, con interviste, spezzoni video e foto riprese come se i fatti si fossero realmente svolti in quel periodo storico. Purtroppo questa caratteristica aggiunge poco al valore della produzione, in quanto il tutto viene oscurato dalle problematiche tecniche, dalla ripetitività e dalle varie mancanze del gamplay. Personalmente non consiglio il gioco a prezzo pieno. Acquistatelo solo se fortemente scontato. Voti Grafica: 7 Sonoro: 8 Gameplay: 6 Longevità: 6 Videorecensione
  12. marte9020

    Password episodi Bleach

    Ciao, Non vorrei dirti una cavolata perchè essendo finito da tempo l'anime è un pezzo che ho scaricato l'ultima, comunque mi pare che la password sia (quasi sempre) bleach seguito dal numero dell'episodio (es bleach211 o bleach62). In ogni caso qui trovi la discussione relativa http://www.dragonballforever.it/forum/index.php/topic/13630-bleach-episodimovieoav-link-diretti/ Quando il forum ha cambiato piattaforma la formattazione del testo è andata un attimo a farsi benedire ma dovrebbero essere così le password
  13. marte9020

    [PC] Deus Ex: Mankind Divided

    [PC] DEUS EX MANKIND DIVIDED Recensione a cura di: marte9020 Immagini prese da: gioco Videorecensione a cura di: Spaziogames.it Deus Ex Mankind Divided è il nuovo capitolo dell'omonima serie. Anche qui ci troviamo nei panni di Adam Jensen due anni dopo l'incidente dei potenziati avvenuto alla fine dei Human revolution La storia Dopo essere scappato da un laboratorio di ricerca sui potenziati in cui era rimasto in privo di memoria e in uno stato simile al coma, Adam jensen si unisce alla task force 29, una task force dell'Interpol che riunisce i migliori membri dei 29 stati più influenti al mondo. La task force ha il compito di fermare le azioni dei terroristi potenziati. Adam sospettando che questa forza di polizia sia in realtàil braccio armato degli Illuminati, fa il doppio gioco per conto del gruppo di attivisti guidato da Janus, una figura misteriosa che sembra sapere fin troppe cose su molti argomenti secretati. Dopo una missione a Dubai in cui la squadra viene assalita da un gruppo di potenziati con addestramento militare che indossa delle strane maschere d'oro, Adam torna a Praga, sede della sua divisione, e lì inizia ad indagare sui numerosi attentati che alcuni potenziati stanno portando avanti nella città, che si trova ormai in una situazione prossima alla rivolta civile. E' da questa situazione che gli eventi della storia prendono il via, portandci a cercare di sventare un nuovo complotto del gruppo degli Illuminati. Gameplay Il gameplay, salvo per qualche innovazione, è rimasto praticamente identico a Human Revolution, quindi vi ritroverete a gestire Adam in prima persona, salvo quando utilizzerete le coperture in cui la visuale passerà in 3°. Il gioco si svolge principalmente a Praga, dove trova anche la sua location più grande. In un tempo in cui i free roaming vanno sempre più per la maggiore la scelta di dare la possibilità al giocatore di "esplorare" delle aree relativamente piccole e chiuse risulta essere molto castrante e anche abbastanza noiosa. Alla lunga vi ritroverete (se deciderete di svolgere anche le missioni secondarie) a girare da un punto all'altro del centro di Praga, per farlo però dovrete utilizzare il sistema di metropolitante che risulta solo un espediente per dare il tempo al gioco di caricare l'area successiva. L'arsenale non è molto vasto e come nel capitolo precedente si divide in armi letali e non letali. L'approccio non letale come al solito vi farà guadagnare più punti esperienza con cui sbloccare poi i vari potenziamenti. L'IA anche a difficoltà Deus Ex non brilla molto, quindi sarà relativamente facile superare le varie fasi del gioco anche senza star troppo a pianificare (tranne in uno o due casi verso la fine del gioco). Per quello che riguarda la durata facendo anche le varie missioni secondarie si arriva sulle 20 ore massimo (a difficoltà Deus Ex), anche se è possibile sbloccare varie alternative al finale dubito che vi ritorni la voglia di metterci le mani. Grafica e sonoro Allo stato attuale per quello che riguarda l'impatto grafico il titolo è abbastanza altalenante. La grafica e i movimenti scorrono fluidi, senza troppi bug e cose strane. Il problema si verifica però in alcune conversazioni in cui praticamente lo schermo inizia a fare quello che vuole. Mi è capitato ad esempio che durante la conversazione con un elemento chiave del gioco, circa a metà, lo schermo iniziasse improvvisamente ad annerirsi a macchia di leopardo fino a diventare quasi completamente nero. In altre conversazioni invece si notava un fastidioso effetto pixel. Allo stato attuale il titolo è giocabile, ma non è sicuramente al livello che avrebbero voluto gli sviluppatori. Basti pensare all'elevatissimo numero di patch che sono state rilasciate fino ad ora dal lancio per la versione PC. Per la modellazione dei personaggi è gradevole ma c'è comunque di meglio. Per quello che riguarda il sonoro le musiche di sottofondo sono come nel capitolo precedente molto godibili (anche se non agli stessi livelli), il problema è il doppiaggio, che nel 99% dei casi è completamente fuori sincronia. Anche i sottotitoli che potete attivare o disattivare mostrano sequenze "a piacere". Scegliete ad esempio una risposta durante le conversazioni con i personaggi e il testo mostra tutt'altro da quello che viene detto. Le voci in italiano sono abbastanza convincenti, ma il lavoro viene totalmente rovinato da questa mancanza di sincronia. Conclusione Human Revolution mi è piaciuto come titolo, nonostante i suoi difetti. Purtroppo Mankind Divided non mi ha colpito poi così tanto. Fortunatamente non ho preso la versione da collezione ma solo la chiave di gioco. Probabilmente con qualche mese in più di rifinitura sarebbe stato un titolo migliore, ma allo stato attuale non mi sentirei di consigliarlo, almeno al prezzo di lancio, in quanto i difetti superano di gran lunga i pregi. Voti Grafica: 6 Sonoro: 6 Gameplay: 7 Longevità: 6 Videorecensione
  14. La Sony ha annunciato la PS4 Neo (o PS4.5) e dovrebbe essere la versione più performante, però anche lì sembra molto orientata al 4K, più che ad un "semplice" upgrade. Ufficialmente da come ho letto puntano più ai video in 4K, però a parere mio dopo l'annuncio di Microsoft dubito che lasceranno le cose così. Non so se siano ufficiali o meno le specifiche di questa tabella pubblicata da Multiplayer, però apparentemente sono tutte e due abbastanza performanti, ma (almeno se i dati fossero reali) la console Microsoft questa volta sarebbe alcuni passi avanti alla controparte Messa così, la Scorpio non dovrebbe avere problemi a far giocare i titoli a queste risoluzioni anche se poi sicuramente verranno "castrati" per mantenere la fluidità e la giocabilità (ma questo avviene già ora). Il problema è solo se effettivamente dalla casa di produzione usciranno giochi "in 4K" o usciranno solo con l'adesivo, perchè non basta scriverci tipo "titolone 2 in 4k" e metterci il prezzo 95€ per renderlo effettivamente tale. Dietro c'è tutto un lavoro di ottimizzazione che spero venga svolto. Per il discorso televisori, non è tanto il prezzo (in quanto comunque sono rimasti quelli che avevano fino a poco tempo fa le controparti full hd e probabilmente rimarranno quelli) io già ne ho uno da 40 pollici 4K (preso come rimpiazzo di un vecchio HD ready) che uso anche per giocare a questa risoluzione su 2/3 giochi, però ti posso garantire che allo stato attuale non merita come investimento per il solo gaming. Se il gioco è fatto bene, allora si è una gioia da vedere, però se non lo è non vedi le differenze tra le varie risoluzioni. E' vero che da qui a un anno di passi ne faranno molti, però chiaramente bisogna valutare bene se prenderne uno e eventualmente passare alla console più performante, per poi ritrovarsi con solo l'adesivo a attestare la risoluzione.
×