Jump to content
Anime in Evidenza
Manga in Evidenza

cribacomics

Utenti
  • Content Count

    65
  • Joined

  • Last visited

1 Follower

About cribacomics

  • Rank
    Terrestre
  • Birthday 02/09/1975

Informazioni aggiuntive

  • Manga preferito
    naruto, one piece
  1. Buongiorno Trunks :-)) è veramente tanto che non ci sentiamo, ti ringrazio moltissimo. E' dura l'avventura
  2. grazie molto gentile mi son dimenticato... si sta svolgendo lo SNIFF OUT a Osaka, fiera dell'arte, musica ecc. ecc. la galleria giapponese che promuove le mie opere mi ha fatto una bellissima sorpresa dedicandomi 2 pareti del suo stand
  3. è uscito, ce l'ho fatta!! FILIPPO BIAGIOLI : “MILLENNIUM – Criba legend rebirth” Luglio 2013. Dopo quattro anni di tormentata gestazione ha visto la luce il volume a fumetti della saga di Criba, “MILLENNIUM – Criba legend rebirth” dell’artista Filippo Biagioli. Criba, alter ego dell’autore, personaggio in bilico tra fantasia e realtà, inizia il suo strambo percorso con il “semplice” intento di trovare la Felicità, ignaro delle situazioni “esterne” ed “interiori” nelle quali si troverà suo malgrado coinvolto. Un’avventura che si arricchisce man mano di clamorosi colpi di scena e di numerosi e curiosi personaggi , un’umanità eterogenea e paradossale intrisa di valori profondi e contraddizioni. Amicizia, sentimenti forti, fantasia, intrighi, psicologia, magia ed esoterismo sono i punti di forza intorno a cui ruota lo sviluppo della narrazione fino all’inaspettato e inatteso gran finale. Un elegante disegno, sciolto e dinamico, unito a un efficace bianco e nero diventa il filo di Arianna che accompagna il lettore nei meandri inconsci della contorta fantasia dell’autore. Il volume si presenta con un formato di grandi dimensioni, cm 21×29,7 per un’altezza di 5 cm, 666 pagine stampate in tiratura limitata a 17 copie numerate e firmate. Al suo interno sono inclusi i due volumi precedentemente pubblicati, “CRIBA – Il divoratore di affetti” e “CRIBA – La Notte Kan’d’Ema” che da pubblicazioni autonome diventano capitoli dell’imponente “MILLENNIUM”, oltre a “CRIBA – Noia”, presente sia nella versione italiana sia in quella giapponese. Il volume cartaceo è esaurito, è disponibile sul blog dell’autore filippobiagioli la versione digitale che arriverà a casa su cd al prezzo simbolico di 2 euro.
  4. grazie, già è un miracolo se ci vivo con questo lavoro
  5. buonasera mondo!!! :esulta: vi lascio il comunicato stampa della mia prossima mostra, la quale si trasformerà anche, in una nuova postazione del mio museo sul territorio :-) LA FAVOLA DELLA MATERIA CONTRO LA SABBIA DELLA MANIERA. Intorno a questa bella frase di Chistian Dotremont, tra i fondatori dell’Internazionale Situazionista nata a Cosio d’Arroscia nel 1957 , Giuliano Arnaldi raccoglie per la Fondazione Tribaleglobale un nutrito e qualificato gruppo di artisti di fama internazionale in occasione della presentazione dei nuovi spazi espositivi della Fondazione a Vendone, il borgo ligure in prossimità di Albenga che ha fatto dell’arte uno dei suoi punti di forza. Dal 23 giugno al 30 luglio in località Vallone 2 a Vendone, Tommaso Cascella, Bruno Ceccobelli, Gianni Dessì, Beppe Friscia, Giuseppe Gallo , Enzo L’Acqua, Graziano Marini, Juan Segura presenteranno opere in ceramica, metalli ed altri materiali posizionate in modo da creare un dialogo immediato con le opere di Arte Primaria della collezione permanente del MAP, il Museo della Fondazione Tribaleglobale: terrecotte, tessuti, metalli, maschere e sculture in legno provenienti dai diversi continenti e da epoche diverse, dal Neolitico al Novecento. Sabato 22 giugno alle ore 17 presentazione della mostra e del catalogo, curato da Tino Bonanno. Nella stessa giornata, alle ore 11, presentazione degli IN/SETTARI sette sculture di Filippo Biagioli destinate a diventare le case di piante, farfalle e altri esseri viventi che abitano il Giardino dell’Arte di Vendone. Info e contatti sul sito
  6. ciao :-) mentre Criba MILLENNIUM sta per concludersi...c'è questa bella novità... Nasce il Museo sul territorio delle opere di Filippo Biagioli (Il sentimento umano dell’arte primaria) con preghiera di diffusione e condivisione (cosa positiva se qualcuno mi fa l'estrema cortesia di condividerlo sui blog, social network ecc.ecc.) Vendone (SV) Dall’esperienza diretta con il MAP Museo Arti Primarie e la conoscenza di altre realtà presenti sul nostro territorio nazionale promosse da comuni, enti, associazioni, è nato il mio desiderio e bisogno di censire, localizzare e sviluppare questo progetto chiamato: Museo sul territorio delle opere di Filippo Biagioli. Di fatto sono spazi di terreno o murali, che musei, enti pubblici, o privati scelgono per aderire alla proposta e utilizzati per realizzare installazioni di mie opere d’arte. La rete di connessioni dei luoghi toccati dall’iniziativa sarà autofinanziata tramite un bookshop aperto sul sito e opportunamente documentata: troveranno spazio sul mio blog (x)(x) mappe interattive scaricabili su ogni tipo di dispositivo informatico. Ciò riuscirà a proporre un’informazione esaustiva del suolo toccato dalle opere, sia sotto il profilo artistico relativo alle installazioni, sia sotto l’aspetto turistico del comune in cui sorge. La Crosa, Vendone (SV) Ma presentare questo progetto ha per me un aspetto ancor più profondo rispetto alla semplice installazione delle opere come se fossero in mostra in qualche sala espositiva; è la possibilità di comunicare con il mondo, con le persone che ne vogliono far parte in maniera attiva e che desiderano fermarsi a riflettere, pensare a riappropriarsi del territorio in cui esse vivono. Con la concretizzazione di questa idea posso affermare alcuni concetti per me importantissimi. Innanzitutto “tornare” al territorio come “valore reale”, fondamentale patrimonio per l’uomo e la sua crescita interiore, poiché esso è il “suolo materno” con cui condividiamo la nostra nascita, cresciamo apprendendone la cultura gli usi e costumi, ci arricchiamo interiormente delle esperienze dei nostri avi, tramandate dalla nostra famiglia. A tutti gli effetti, il crollo odierno della fiducia verso le istituzioni pubbliche e verso le strutture sociali e religiose fino ad adesso insegnate, la frammentazione dei nuclei e il logorio dei rapporti inter-personali causati dallo scorrere frenetico della società attuale stanno trasformando l’insieme di persone che convivono sotto lo stesso tetto da “famiglia, gruppo di persone legate tra loro da rapporti di parentela ” in micro-tribù contemporanee, in cui il gruppo ha una sua caratteristica comune, sia essa culturale e linguistica (si pensi ai dialetti), e dove in zone rurali ritorna a “vivere e coltivare” il territorio per la sua sopravvivenza. Sempre in questo momento storico di grandi trasformazioni, l’arte è spesso rilegata a “cultura di investimento” per cui si sente sempre più parlare di “investimenti in arte”. Ma ciò è sbagliato in quanto la vera ricchezza è “investire in cultura” così da riportare alla luce quel patrimonio di tradizioni, leggende, riti, credenze, insegnamenti che possono riuscire a renderci liberi dalla dipendenza di un sistema socio politico che ci vuole schiavi, consumatori e non-pensanti. Investire in cultura può farci comprendere a fondo il nucleo familiare da cui proveniamo, la natura, gli animali, il prossimo. Tutto questo è un bagaglio di esperienze che ci aiuta ad aprire la nostra mente in ogni direzione. murales, Vendone (SV) E’ questo insieme di esperienze che origina il diritto a “…fare memoria per fare futuro, cit. dalla Presentazione MAP Museo Arti Primarie” dove la volontà di far sopravvivere i ricordi alla tirannia del tempo è quasi un dovere per le generazioni che intendono tramandare ai futuri discendenti un’educazione culturale composta dai propri errori, storie di vita, insegnamenti, culti, ecc. in modo tale che proprio a loro sia data la possibilità di usufruire di questa importante eredità. Ho sempre abbinato questo pensiero ad una frase dettami da un’amica studentessa universitaria: “Io ti vedo tipo un concentrato di popolazioni estinte! Non è che ti vedo un essere umano singolo!” la quale rende bene l’idea di come ancora sia possibile la percezione della “memoria archetipica” anche dentro un cittadino europeo, fin qui visto solo come figlio di una “cultura occidentale”. murales, Valloria (IM) Questo progetto invece è anche una dichiarazione di esistenza dell’arte rituale europea (arte tribale europea, se consideriamo il singolo o l’insieme di persone che compiono un rito e/o la lenta trasformazione della famiglia). Come artista di arte tribale, mi trovo a vivere le radici del mio territorio, ciò che esso mi racconta e che mi trasmette. Che sia l’acqua del fiume, le fabbriche di metallo, o la terra calpestata dagli animali, tutto ciò è una miniera a cielo aperto per ricavare materiali vari che mi consentono di concretizzare e raffigurare tramite statuine votive tutte quelle “presenze” che “sento” vicino a me come gli “spiriti” del bosco, dell’acqua, del vento, delle piante. Proprio per questo nonostante l’industrializzazione, il consumo di suolo, la perdita apparente di archetipi di tutti quello che mi circonda, io continuo la mia vita in simbiosi con quella che è la mia arte, il mio modo di vivere che si concretizza tramite la mia meditazione sul fiume, i miei reliquiari che contengono frammenti di animali, le mie pitture. Nonostante l’Europa venga vista dall’esterno industrializzata e conti per la maggior parte fedeli di una sola religione, essa trattiene in sé il germe dell’arte tribale europea che non si può negare in quanto significherebbe in realtà e senza dubbio negare tutto ciò che muove l’arte primaria in generale, sia essa africana, oceanica, himalayana ecc. e nello stesso qual modo negare i manufatti rituali contemporanei africani come valore culturale, o di ogni altra cultura; significherebbe dichiarare indirettamente che l’arte tribale o primaria non esiste (quando invece è universalmente presente), poiché è proprio nell’archetipo, nel ricordo degli antenati, nella raffigurazione di qualcosa che non si riesce a vedere ma solo a percepire o comprendere, nel rapporto con la natura, che essa nasce, si sviluppa e resta immortale e universale nel tempo. plastica, Museo Arti Primarie (SV) Per l’importante aiuto ricevuto nella realizzazione del progetto vorrei ringraziare di cuore: Alice Borchi e Yumi Sano per le traduzioni, Daisy Triolo per la revisione dei testi.
  7. ciao, io l'ho conosciuto su internet, mi è piaciuto subito. Mi sono ascoltato ciò che ha on-line, ed ha un sound tutto suo
  8. buongiorno!! x i video purtroppo non puo' piacere tutto a tutti, anzi forse è proprio un bene e poi apprezzo la sincerità...quindi sei un grande!! (ieri è appunto uscito l'ultimo video d'arte da me creato per Junky Sugar Session, un cantante giapponese) riguardo al libro, no, non ancora. uscirà il 9 settembre. mi mancano circa 140 pagine e sta prendendo una "strana" piega. non so nemmeno se a Andrea farò leggere i capitoli finali per non togliere a lui, il gusto della sorpresa (o dell' incasinamento) come dice lui... appena posso torno a postare foto degli aggiornamenti di Criba MILLENNIUM, nel frattempo: Il cantante è molto giovane, ma merita di essere ascoltato, è molto bravo a mio giudizio Junky Sugar Session - 胡蝶の夢【Kotyo no yume】- Filippo Biagioli video-art フィリッポ・ビアジョッリ http://www.youtube.com/watch?v=6nVYQbRpFaQ
  9. "NON FATE PIANGERE LE RANE" CAPITOLO 7 ...la felicità... e ancora la felicità!!!!!!!! Cosa saremmo disposti a fare per un po' di questa benedetta felicità!!!!??????!!!!!! "FERUS SOPOR" è il nuovo scenario che apre il capitolo 7 di CRIBA MILLENNIUM, "Non fate piangere le rane" il regno della Dea Macra, Regina delle Meduse e del fido aiutante Ottavio, nuovi personaggi/protagonisti e sinceri alleati di Criba per il proseguio della sua avventura. "La paura è il più grande nemico della felicità" e .... anche le "rane" hanno diritto di essere felici. Combattere, o almeno iniziare a farlo mette in moto processi irreversibili che possono ulteriormente far star male ma necessari per il cambiamento, darsi la possibilità di cambiare e accettarsi è la strada per il rinnovamento.... quindi "tutti" diretti all'INCENERITORE Intermezzo simpatico con la "discesa sul campo" dell'autore Filippo a disquisire nuovamente sul "suo" concetto di arte e fumetto al giorno nostro... ovviamente in netto contrasto con le teorie dell'ottuso Iracondo, nota , non ancora per voi lettori, "palla al piede" anche in questo capitolo. Riprende il viaggio fra dubbi, riflessioni e l'immancabile colpo di scena... con tutto ciò che ne consegue.... Ma la strada verso l'Inceneritore non è cosa facile e lo scontro è dietro l'angolo. Capitolo altamente introspettivo, scorrevole, traghettatore verso quella "battaglia epica" che tutti ci aspettiamo. Tratto come sempre molto sciolto e "decorativo" con l'intervento di nuovi strumenti grafici che rendono il tutto più variegato e aperto alla possibilità di nuove soluzioni stilistiche e tecniche. Chiudo questa mia "recensione" ricordando, come vuol farci intendere il finale di questo capitolo che... "ogni qualvolta ci troviamo ad affrontare un "nemico", o semplicemente noi stessi, dobbiamo assicurarci di avere le "armi" giuste per non soccombere e, nel caso le avessimo, dobbiamo saperle usare nel modo adeguato"... Alla prossima recensione Andrea
  10. ciao a tutti! il capitolo 7: Non fate piangere le Rane del fumetto Criba MILLENNIUM ha la sua recensione on-line
  11. ciao :-) grazie!! è un piacere leggerti. si, li realizzo io. faccio arte con i più svariati materiali come professione. queste sono adigrafie (tecnica multipla) che ho realizzato per una mostra in giappone, con un soggetto per tipo poi ho realizzato delle tecniche miste uniche. Anche queste esposte in giappone. riguardo a Criba MILLENNIUM, sono 17 copie già esaurite, a meno che qualcuno non rinunci all'ultimo momento. però ci sarà anche l'edizione digitale al prezzo simbolico di 1 euro, quindi se vuoi, puoi leggerlo in pdf :-) sarà un piacere per me sapere la tua opinione. mentre per finire Criba MILLENNIUM mancano circa 200 pagine...inserisco qualche foto di opere in Giappone e gli ultimi 2 video d'arte che ho realizzato per musicisti australiani e canadesi. ciaooo a tutti filippo biagioli adigraf adigrafia フィリッポ・ビァジョッリ 木版画 filippo biagioli adigraf adigrafia フィリッポ・ビァジョッリ 木版画 filippo biagioli adigraf adigrafia フィリッポ・ビァジョッリ 木版画 filippo biagioli adigraf adigrafia フィリッポ・ビァジョッリ 木版画 filippo biagioli adigraf adigrafia フィリッポ・ビァジョッリ 木版画 filippo biagioli adigraf adigrafia フィリッポ・ビァジョッリ 木版画 filippo biagioli adigraf adigrafia フィリッポ・ビァジョッリ 木版画 filippo biagioli adigraf adigrafia フィリッポ・ビァジョッリ 木版画 e i video Damnzal http://www.youtube.com/watch?v=D-iXLl3z8ak Natalie Brown http://www.youtube.com/watch?v=sQoLzg_0Utc
  12. grazie!! si, la mostra è finita, quindi posso anche pubblicare le foto delle opere esposte. il tempo di prepararle e entro un paio di giorni le inserisco con piacere :-) nel frattempo sto terminando il capitolo 7 di Criba MILLENNIUM dal titolo "Non fate piangere le rane"
  13. Finalmente son riuscito a caricare le foto filippo biagioli adigrafia per Adigraf ! Solo Show in Nroom Artspace Tokyo (Japan) フィッリッポ・ビアジョッリ
  14. buondi!! se passate da Tokyo nei prossimi giorni...ho una mostra in città... Oggi non mi carirca le foto... Adigraf! Questo è il titolo della mostra personale di Filippo Biagioli che inizierà il 16 Marzo 2013 a Tokyo, presso il Nroom Artspace e si snoderà in un percorso espositivo che comprenderà i quattro week-end seguenti. La galleria giapponese che per il secondo anno presenta l'opera dell'artista italiano, si dedica in questa mostra ad approfondire l'aspetto “grafico e signico” di Biagioli. Saranno esposte 13 adigrafie (tecnica di riproduzione con lastra di gomma scavata) realizzate nell'anno 2012, con inchiostro nero, in tiratura di 9 esemplari. Inoltre si potranno ammirare 13 tecniche miste realizzate con un esemplare di ogni soggetto adigrafico. “Apprezzo molto la tecnica dell' adigraf, si sposa bene con il mio stile di disegno. Trovo che il contrasto tra il nero dell'inchiostro e lo sfondo della carta, faccia risaltare molto bene i miei soggetti dal tratto, a volte, spigoloso” dice Filippo Biagioli. La mostra personale, terminerà il 6 Aprile 2013. Dopo di che le opere rimarranno, in permanenza, presso la galleria. Nroom artspace 4-35-13 minami-oizumi nerima-ku Tokyo,1780064, JAPAN tel/fax +81-(0)3-5935-9678 Adigraf!これは、2013年3月16日より東京のNroom Artspaceで始まるFilippo Biagioli(フィッリッポ・ビアジョッリ)の個展のタイトルです。4週末に渡る解説的なアートの道のりを展開します。 イタリア人アーティストの作品を展示して2年目の日本のギャラリーでは、今回の展覧会で、ビアジョリの「グラフィックと象徴」の面にスポットを当てました。2012年の作品である黒インクを使い9つの原版で印刷された13のアディグラフ(図案が彫られたゴム版を使って表現するテクニック)作品が展示されます。さらに、あらゆるアディグラフのテーマを1つの原版を用いて表現した13の混合テクニックを見ることが出来ます。 「私の描画スタイルとアディグラフのテクニックは非常にマッチし、とても気に入っています。黒いインクと紙の背景のコントラストは、時々、荒々しくも私の作品のテーマをとてもよく際立たせています。」とフィッリッポ・ビアジョッリは語っています。 Nroom artspace 178-0064 東京都練馬区南大泉4-35-13 tel/fax 03-5935-9678
  15. ciao a tutti, andrea ha pubblicato la recensione del capitolo 6: "a caccia dei peggiori incubi" "A CACCIA DEI PEGGIORI INCUBI" Come nella vita tutto può cambiare in ogni momento; ogni istante può essere la rampa di lancio verso un nuovo inizio, ignoto, paralizzante. Continua la fuga dei nostri due "eroi" per l'epica distruzione dell'inceneritore, Sale, sempre più "umano" e struggente, non indifferente al fascino femminile e alle pulsioni dell'amore, e di Criba, sempre più terrorizzato e provato nel fisico, ridotto a triste arbusto ormai asciutto e contorto su cui si innestano rami secchi, residui di un "gelido inverno interiore". Continuano anche in questo capitolo le intersecazioni con i pensieri/ossessioni della vita reale, degno di nota... "l'attacco ai favolosi e ai super-esperti" causa della morte dellArte!!!! Ed ecco svelato il mistero di dove fossero finiti tutti i personaggi che da un po' di tempo sembravano scomparsi... ci sono... tutti insieme in una sorprendente tavola. Tavola che darà il via per l'ingresso nei meandri oscuri della menta e nei "devastanti baratri depressivi" di Criba/filippo, pronto all'autodistruzione e alla cancellazione di se'. Direzione... FERUS-SOPOR. Indubbiamente un capitolo forte, pregno di repentini cambiamenti... tragico.... riassumibile con parole come APOCALISSE e SOLITUDINE. ....ma possiamo essere realmente "nocivi" per un'altra persona? Questa è la dubbiosa riflessione che lascia la lettura di questo 6° capitolo "Alla caccia dei peggiori incubi"... a noi trovare una risposta, un riscontro in attesa del settimo capitolo! Alla prossima recensione!!!!!!! Andrea
×
×
  • Create New...